La voce del fuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La voce del fuoco
Titolo originale Voice of the Fire
Autore Alan Moore
1ª ed. originale 1996
Genere Romanzo
Lingua originale inglese
Ambientazione Zona di Northampton

La voce del fuoco è un romanzo di Alan Moore del 1996, con introduzione di Neil Gaiman.

Esso racchiude la "storia" della zona intorno alla città di Northampton narrata in prima persona. Partendo dal 4000 a.C., servendosi della voce di un ragazzino ritardato, passa poi a periodi storici successivi con altre voci narranti (tra cui: un ispettore dell'Impero romano, un cavaliere tornato dalle crociate, una strega e una testa mozzata), e arriva fino al 1995, nell'ultimo capitolo dove è l'autore stesso a parlare, sottolineando come la serie infinita di leggende e semi-realtà portino fino al tempo e al luogo in cui si trova.

Si incontrano temi ricorrenti carichi di simbolismo e, spesso, di brutalità: teste e gambe staccate dal corpo, cani-diavolo (folkloristici shagfoal) e reiterati riferimenti al "mondo sotterraneo", percepito sia come immaginario che fisico; quasi tutte le storie hanno come epilogo la morte del protagonista, sempre voce narrante in prima persona. Motivo ricorrente è il fuoco, presente nei miti e nelle festività che cambiano nel tempo (il sacrificio umano diventa prima una sacrificio animale, poi una festa con fuochi d'artificio).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]