La vittoria di Wellington

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La vittoria di Wellington
Compositore Ludwig van Beethoven
Numero d'opera 91
Epoca di composizione 1813
Prima esecuzione Vienna, 8 dicembre 1813
Dedica Giorgio IV del Regno Unito
Durata media 15 minuti
Organico

orchestra

Movimenti

I Battaglia
II Sinfonia di Vittoria

La vittoria di Wellington o La battaglia di Vitoria (titolo originale in tedesco: Wellingtons Sieg oder die Schlacht bei Vittoria op. 91) è una composizione orchestrale di Ludwig van Beethoven del 1813.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu composta in collaborazione con Johann Nepomuk Mälzel, per celebrare il trionfo militare di Wellington nella Battaglia di Vitoria del 21 giugno 1813.[2] L'opera fu eseguita per la prima volta durante due concerti di beneficenza per soldati invalidi l'8[1] e il 12 dicembre 1813[2] a Vienna, in cui ebbe luogo anche la prima esecuzione della Sinfonia n. 7 la quale ebbe un enorme successo[3], tanto da dover essere replicata tre settimane più tardi e ancora il 24 febbraio 1814, questa volta in programma con la Sinfonia n. 8.

Fu anche grazie al grande successo della composizione La vittoria di Wellington che in quegli anni Beethoven raggiunse l'apice della sua popolarità; inoltre si aprì una disputa tra il compositore e Mälzel sui diritti d'autore dell'opera, una controversia che durò a lungo finché i diritti vennero definitivamente riconosciuti appartenere a Beethoven.[2]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Questa composizione è una sinfonia, ma naturalmente non rientra nel novero classico delle sinfonie di Beethoven. Si tratta infatti di un pezzo di musica a programma, con vari suoni ricreati artificiosamente per riprodurre i rumori tipici di una battaglia militare, tra cui cannonate, fucilate e fanfare, quanto di più lontano dall'ideale sinfonico di quel periodo[2]. Nonostante il suo grande e immediato successo, oggi si fa addirittura fatica a concepire questa composizione come opera di Beethoven, ed è considerata come una delle sue opere meno importanti e più "commerciali".[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ludwig van Beethoven (1770-1827). URL consultato il 13-08-09.
  2. ^ a b c d e "Wellingtons Sieg oder die Schlacht bei Vittoria" op. 91. URL consultato il 13-08-09.
  3. ^ Beethoven. URL consultato il 13-08-09.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]