La vita che sognavo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La vita che sognavo
Titolo originale Playing House
Paese Canada
Anno 2006
Formato film TV
Genere commedia
Durata 94 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio sonoro
Crediti
Regia Kelly Makin
Soggetto Playing House
Sceneggiatura M.A. Lovretta
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Thom Best
Montaggio Teresa Hannigan
Musiche Robert Carli
Scenografia Mark McGann
Costumi Anne Dixon
Trucco Marilyn O'Quinn
Effetti speciali Andy Latimer, Jeff Skochko, Steve Skochko
Produttore Daphne Ballon, Suzanne L. Berger, Brian Dennis
Produttore esecutivo Noreen Halpern, Anne Marie La Traverse, John Morayniss
Prima visione
Prima TV Canada
Data 25 marzo 2006
Rete televisiva
Prima TV in italiano (gratuita)
Data 17 ottobre 2007
Rete televisiva Canale 5

La vita che sognavo (Playing House) è un film per la televisione del 2006, diretto da Kelly Makin e basato sul libro Plaiyng House di Patricia Pearson. Il film ha ricevuto una nomination ai Gemini Awards nella categoria "miglior attrice protagonista" per la performance di Joanne Kelly.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Frannie e Calvin, residenti a Manhattan, si frequentano da alcuni mesi quando Frannie scopre di essere incinta. Calvin parte per un tour con la sua band prima che Frannie trovi il coraggio di dirglielo. La ragazza va a trovare i genitori a Toronto e sua madre la convince a parlare con Calvin al telefono. Per continuare il suo lavoro come redattrice, Frannie riparte per gli Stati Uniti, ma alla frontiera non le permettono di passare perché il suo visto d'ingresso è scaduto. Costretta a svolgere il proprio lavoro dalla casa dei suoi genitori, poco tempo dopo viene raggiunta da Calvin. Una volta nato il piccolo Lester, presto la coppia scopre di non avere idea di come si mantengano una casa e una famiglia e la loro relazione peggiora. Michael Tate, un famoso scrittore con cui Frannie sta lavorando, la aiuta a ottenere un nuovo visto e, tornata a Manhattan, le propone di iniziare una relazione con lui. Frannie si rende conto che Michael, nonostante le offra il fascino e il romanticismo che ha sempre sognato e sia il tipo d'uomo che vorrebbe, non è colui che ama e torna da Calvin.

Edizioni Home Video[modifica | modifica wikitesto]

La vita che sognavo fu distribuito in DVD in Australia, con rating PG per lievi riferimenti sessuali e moderato linguaggio volgare. Fu distribuito anche in Sudafrica[2] e negli Stati Uniti d'America.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Joanne Kelly (II) - Awards
  2. ^ (EN) Playing House, moviesite.co.za. URL consultato il 12 settembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione