La vita a modo mio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La vita a modo mio
La vita a modo miо.png
una scena del film
Titolo originale Nobody's Fool
Paese di produzione USA
Anno 1994
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Robert Benton
Soggetto Richard Russo
Sceneggiatura Robert Benton
Casa di produzione Capella International
Fotografia John Bailey
Montaggio John Bloom
Musiche Howard Shore
Scenografia David Gropman, Dan Davis e Gretchen Rau
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La vita a modo mio (Nobody's Fool) è un film del 1994 diretto da Robert Benton.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella tranquilla cittadina di North Bath, nello stato di New York, vive Donald “Sully” Sullivan (Paul Newman) un carpentiere non più giovane che lavora nel ramo edilizio in compagnia del suo affezionato amico Rub (ben caratterizzato da Pruitt Taylor Vince) un ragazzone di buoni sentimenti, ma di limitato intelletto. Sully, che vive come inquilino dell’anziana signora Beryl Peoples (Jessica Tandy), ha abbandonato la famiglia poco dopo la nascita del figlio Peter e conduce un’esistenza indisciplinata condizionata ancora dai maltrattamenti subiti, quando era ancora fanciullo, da parte del padre alcolista rifiutandosi infatti di utilizzare la sua casa natale ormai divenuta un rudere. Egli è più o meno segretamente innamorato della bella Toby (Melanie Griffith) moglie del suo ex datore di lavoro Carl Roebuck (Bruce Willis) con il quale trascina, senza venirne a capo, una causa per un danno ad un ginocchio occorsogli lavorando per lui.

Il ritorno nella cittadina del figlio Peter, che ormai è sposato ed ha due bambini, riporterà Sully, nonostante i rimproveri del figlio per averlo abbandonato, a sperimentare come nonno quegli affetti che non aveva mai dato come padre tanto da rifiutare l’invito di Toby, stanca dei tradimenti del marito, a fuggire con lei alle Hawaii: “… ho scoperto di essere il nonno di qualcuno e l’amico di qualcuno e il padre di qualcuno …” sono le parole di scusa che dice a lei sul punto di partire. Il film si conclude con l’immagine di Sully che si addormenta sulla poltrona del salotto con un sorriso di una serenità forse nuova per lui che unitamente allo splendido commento musicale vale tutto un film.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema