La via del ritorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La via del ritorno
Titolo originale Der Weg zurück
Autore Erich Maria Remarque
1ª ed. originale 1931
1ª ed. italiana 1932
Genere Romanzo
Sottogenere Guerra
Lingua originale tedesco

La via del ritorno è un romanzo dell'autore tedesco Erich Maria Remarque. Il romanzo venne pubblicato a puntate sul quotidiano tedesco Vossische Zeitung tra il Dicembre del 1930 e il Gennaio del 1931. Successivamente venne pubblicato nell'Aprile del 1931. L'opera racconta l'esperienza vissuta da un giovane reduce dalle trincee della prima guerra mondiale, il rientro in Germania e il tentativo di reinserirsi nella vita quotidiana. Il libro si colloca cronologicamente come seguito di Niente di nuovo sul fronte occidentale e prima del romanzo Tre camerati.

Incipit[modifica | modifica sorgente]

« Le strade attraversano lunghe il paese, i villaggi si stendono nella luce grigia, gli alberi stormiscono e le foglie cadono, cadono. Per le strade vanno passo passo, con le loro divise stinte e sudice, le grige colonne. I visi setolosi sotto gli elmetti d'acciaio sono sottili e scavati dalla fame, dalla miseria, stenti e ridotti ai lineamenti che segnano l'orrore, il valore e la morte. »
(Erich Maria Remarque, La via del ritorno, 1931)

Explicit[modifica | modifica sorgente]

« Sotto i miei piedi scricchiolano le assi e si muovono, sotto le mie mani crocchia il legno del davanzale, e al margine della via davanti alla porta persino il tronco fradicio e scheggiato di un tiglio butta grosse gemme brune - tra poche settimane anche questo avrà le sue verdi foglioline di seta come le avranno i larghi rami del platano che gli si stendono sopra. »
(Erich Maria Remarque, La via del ritorno, 1931)