La storia di Christine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La storia di Christine
Titolo originale Christine
Autore Alice Cholmondeley
1ª ed. originale 1917
1ª ed. italiana 2009
Genere romanzo
Sottogenere romanzo epistolare
Lingua originale inglese
Ambientazione Germania, 1914
Personaggi * Christine Cholmondeley
  • Alice Cholmondeley, la madre
  • Kloster, violinista
  • Bernd, fidanzato di Christine

La storia di Christine (titolo originale in inglese: Christine) è un romanzo epistolare della scrittrice Elizabeth von Arnim (con lo pseudonimo di Alice Cholmondeley) pubblicato nella prima edizione in lingua inglese nel 1917.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gli eventi del romanzo sono esposti in una serie di lettere scritte alla propria madre da Christine Cholmondeley, una giovane inglese studentessa di musica che si è recata a Berlino per studiare con Kloster, un illustre violinista tedesco, poche settimane prima dell'inizio della prima guerra mondiale che vide Germania e Inghilterra su fronti contrapposti. Nel prologo, datato maggio 1917, l'autrice anticipa che Christine, la sua unica figlia, è morta di polmonite in un ospedale di Stoccarda l'8 agosto 1914 a causa della guerra. Nelle lettere, scritte da Christine dal 28 maggio 1914 (giorno dell'arrivo a Berlino dall'Inghilterra) al 6 agosto 1914 (quando la ragazza riferisce di non aver potuto prendere il treno che l'avrebbe condotta nella neutrale Svizzera) Christine racconta alla madre il suo affetto filiale, le speranze per il futuro e le sue impressioni sulla Germania e sui tedeschi. In Germania Christine viene apprezzata da Kloster e si fidanza con Bernd von Inster, un giovane ufficiale aristocratico prussiano amante della musica. Non altrettanto amichevoli sono invece i rapporti con la maggior parte dei tedeschi --descritti dalla ragazza come eccessivamente formali, ossequenti alle autorità, nazionalisti, xenofobi e inclini alla guerra.

Genesi dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Elizabeth von Arnim, l'autrice il cui vero nome era Mary Annette Beauchamp e si celava in questo romanzo nello pseudonimo di Alice Cholmondeley, era nata in Australia nel 1866, aveva sposato nel 1891 un aristocratico tedesco e si era trasferita in Germania. Il matrimonio non fu molto felice, nonostante la nascita di cinque figli, tanto che nel 1908 ritornò a Londra dove, dopo essere rimasta vedova nel 1910, nel 1916 si risposò col duca John Francis Russell fratello maggiore di Bertrand Russell[1]. Il romanzo Christine uscì nel 1917, anno in cui le forze alleate si sforzavano di ottenere la partecipazione alla guerra degli Stati Uniti, fino ad allora neutrali. Il romanzo epistolare della Arnim era emotivamente coinvolgente, tanto da esser ritenuto da numerosi lettori un documento vero e non opera di fantasia, e veicolava l'idea che il popolo tedesco, ritenuto finora dall'opinione pubblica americana succube del militarismo del governo tedesco, fosse in realtà aggressivo, xenofobo e militarista in accordo con le tendenze del proprio governo[2]. La vicenda narrata in Christine ha tuttavia numerosi tratti di somiglianza con quella di una figlia dell'autrice, Felicitas Joyce von Arnim-Schlagenthin, detta Queekie, la quale morì per davvero appena sedicenne il 3 giugno 1916 a Brema, in Germania, dove si era recata per perfezionarsi negli studi musicali[3]. Il libro ebbe in Inghilterra un successo straordinario alla sua uscita e in pochi mesi ne vennero approntate otto edizioni[4].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alice Cholmondeley, Christine, London: Macmillan & Co. 1917; New York: Grosset & Dunlap, 1917
  • Elizabeth Von Arnim, La storia di Christine: romanzo; traduzione di Simona Garavelli, Torino: Bollati Boringhieri, 2009, 148 p.; ISBN 978-88-339-2020-7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Leslie De Charms, Elizabeth of the german garden: a biography, London, etc: Heinemann, 1958
  2. ^ «Did the German People Desire War?» Nation, 105: 202-203, 1917
  3. ^ Karen Usborne, Elizabeth von Arnim: eine Biographie, Frankfurt am Main: Fischer, 2003, ISBN 3-89561-600-1
  4. ^ Simona Garavelli, «Introduzione». In: E. Von Arnim, La storia di Christine, op. cit., ISBN 978-88-339-2020-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura