La sacerdotessa di Avalon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Ciclo di Avalon.

La Sacerdotessa di Avalon
Titolo originale Priestess of Avalon
Autore Marion Zimmer Bradley e Diana L. Paxson
1ª ed. originale 2000
Genere romanzo
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese
Serie Ciclo di Avalon
Preceduto da La signora di Avalon
Seguito da Le nebbie di Avalon

La sacerdotessa di Avalon è un romanzo dell'americana Marion Zimmer Bradley, appartenente al ciclo di Avalon. Questo romanzo narra di una leggenda che presenta molti eventi storicamente accettabili sulla vita di Elena, concubina dell'imperatore Costanzo Cloro e madre dell'imperatore Costantino I.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Elena, figlia di un nobile britannico e di Rian, Somma Sacerdotessa sull'isola di Avalon, nasce dopo molte ore di travaglio e rimane orfana di madre, ma per lei il capo dei druidi predice un glorioso futuro. Ritornata sull'isola a dieci anni per completare la sua istruzione, si trova a dover affrontare l'ostilità della zia Ganeda, divenuta Somma Sacerdotessa dopo la morte della sorella.

Elena riesce a diventare sacerdotessa di Avalon, ma viene cacciata dalla zia quando conosce e si innamora del giovane Costanzo Cloro. Costanzo ed Elena viaggiano per l'Europa seguendo le Aquile di cui Costanzo è comandante, ma soprattutto servendo gli innumerevoli imperatori che si susseguono; dal grande amore tra il sacerdote di Mitra e una sacerdotessa di sangue nobile nascerà Costantino il Grande, l'uomo che cambierà il mondo. Ma i cambiamenti di Costantino deluderanno Elena, che non approva la corruzione e la falsità che circondano il figlio. Elena decide di abbandonare il mondo romano, ormai dominato dal cristianesimo e dalla corruzione, per morire in pace sull'isola di Avalon, la sua unica e vera casa, dove sarà accolta dalle sacerdotesse ma soprattutto dalla nuova Somma Sacerdotessa, la sua cara cugina Dierna.

Questo romanzo è ambientato in un'epoca di cambiamenti che crearono un grande tumulto nel mondo intero e che stanno alla base della storia moderna.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]