La ricerca dell'assoluto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La ricerca dell'assoluto
Titolo originale La recherche de l'absolu
BalzacQuestAbsolute02.jpg
Illustrazione di William Boucher. (1897)
Autore Honoré de Balzac
1ª ed. originale 1834
Genere romanzo
Lingua originale francese

La ricerca dell'assoluto (in francese La recherche de l'absolu) è il terzo volume degli “Studi di costume del XX” ,“scene della vita privata” della Commedia umana di Honoré de Balzac. Il romanzo, ambientato a Douai, nella Fiandra francese all'inizio del XIX secolo, narra le vicende di Balthazar Claës e della sua famiglia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Claës è una delle più agiate famiglie della città di Douai, il capofamiglia, il sig. Balthazar Claës è sposato con Joséphine, discendente della famiglia spagnola della Casa-Real. La delicatezza di Balthazar aveva esaltato in lei i più generosi sentimenti, i due vivevano in una felicità scambievole. La famiglia si componeva inoltre di due figli e due figlie. La vita scorreva pressoché serena e armoniosa, fino al giorno in cui Balthazar dedicherà il suo tempo alla chimica nella speranza di ricercare l'Assoluto, la sostanza comune a tutte le creazioni.

In questa impresa verrà aiutato dal fedele domestico Lemulquinier il quale non lo abbandonerà mai. Questa sua attività di chimico lo assorbirà totalmente, fino a far venire meno quella felicità domestica che regnava in casa Claës, causando inoltre non pochi problemi economici per le spese sostenute nell'acquisto delle apparecchiature.

Il perdurare della situazione porterà alla morte della moglie Joséphine, la quale soffrirà molto della mancanza di amore del marito, ma non cesserà mai di amarlo e aiutarlo economicamente, tanto che il giorno della sua morte farà promettere alla figlia maggiore, Margherite, di seguire il padre e di amarlo per sempre, qualsiasi cosa accada.

La figlia assolverà la promessa fatta nonostante il perdurare degli sperperi economici da parte del padre, il quale in fasi alterne continuerà a cercare l'Assoluto, sperperando sei patrimoni. La figlia Margherite si sposerà con Emmanuel Solis, nipote dell'abate Solis, amico di famiglia da vecchia data. L'eredità ricevuta dalla famiglia Solis risulterà provvidenziale per permettere a Margherite di riportare la casa e la famiglia Claës ai vecchi fasti. Nella conclusione del romanzo Balthazar, invecchiato e povero (ancora una volta povero) in punto di morte con il suo fedele servo Lemulquinier, accudito da sua figlia Margherite e suo marito Emmanuel, leggendo un articolo di giornale mette a conoscenza il suocero della scoperta dell'Assoluto compiuta da altri ricercatori.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La ricerca dell'assoluto è il romanzo cui si appassiona Antoine Doinel, il protagonista del film I quattrocento colpi (1959) di François Truffaut.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • trad. Lorenzo Tassi, 2 voll., Milano 1837
  • trad. Mariaserena Battaglia, Edizioni per il Club del libro, Milano 1958; De Agostini, Novara 1964 (con prefazione di Silvio Locatelli)
  • trad. Paolo Russo e Renato Mucci, ed. Gherardo Casini, Roma 1959 (con introduzione di Luigi De Nardis)
  • trad. Andrea Zanzotto, introduzione di Ferdinando Camon, Garzanti, Milano 1975 ISBN 88-11-58569-4
  • trad. Luciano Poggi, Lucarini, Roma 1988
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura