La regola del sospetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La regola del sospetto
Al Pacino Regola Sospetto.jpg
Walter Burke - Al Pacino
Titolo originale The Recruit
Paese di produzione USA
Anno 2003
Durata 114 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller, spionaggio
Regia Roger Donaldson
Sceneggiatura Roger Towne, Kurt Wimmer, Mitch Glazer
Produttore Jeff Apple, Gary Barber, Roger Birnbaum
Fotografia Stuart Dryburgh
Montaggio David Rosenbloom
Musiche Klaus Badelt
Scenografia Andrew McAlpine
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La regola del sospetto (The Recruit) è un film del 2003 diretto da Roger Donaldson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

James Clayton, giovane genio dell'informatica, viene notato dal reclutatore della CIA Walter Burke, che lo convince ad entrare a far parte dell'Agenzia. Durante i duri mesi di addestramento passati in un luogo isolato, che gli appartenenti all'organizzazione chiamano "la Fattoria", James imparerà due fondamentali regole del mestiere, ossia "niente è ciò che sembra" e "non fidarsi di nessuno", dimostrando di essere uno dei migliori aspiranti al posto di agente segreto, almeno secondo le necessità di Walter Burke. Dopo un test apparentemente fallito, James viene contattato da quest'ultimo, che gli affida la sua prima ed importante missione: investigare sulla collega Layla e sventare una possibile fuga di notizie, che si rivelerà essere un inganno. Il giovane rimarrà infatti invischiato fra sospetti e dubbi che lo porteranno a dubitare dello stesso Burke.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti il 28 gennaio 2003, e in quelle italiane il 28 marzo 2003.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Le foto nelle scene di apertura che mostrano James Clayton con il padre sono realmente foto che ritraggono Colin Farrell con il padre Eamon.
  • Nella scena in cui James cerca di rimorchiare una ragazza in un pub, la frase "sono appena uscito di galera" è stata inserita da un'idea dello stesso Farrell: l'attore ha raccontato ai produttori di aver usato quella strategia con una donna, e questi hanno deciso di inserirla nel film.
  • La pellicola contiene numerosi riferimenti alle opere dello scrittore Kurt Vonnegut Jr.
  • La scena finale dell'inseguimento nel capannone tra Walter e James è girata sullo stesso set della prigione di Chicago.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema