La piccola bottega degli orrori (film 1986)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La piccola bottega degli orrori
Una scena del film
Una scena del film
Titolo originale Little Shop of Horrors
Paese di produzione USA
Anno 1986
Durata 94 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia nera, orrore, musical
Regia Frank Oz
Sceneggiatura Howard Ashman
Produttore David Geffen
Fotografia Robert Paynter
Montaggio John Jympson
Musiche Miles Goodman, Alan Menken
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

La piccola bottega degli orrori è un film del 1986 di Frank Oz, ispirato a omonimo musical di Alan Menken e Howard Ashman.

È interpretato da Rick Moranis, Ellen Greene, Vincent Gardenia e Steve Martin. Il musical era a sua volta basato sul film omonimo di Roger Corman.

Le riprese si svolsero nello 007 Stage, il più grande set dei Pinewood Studios di Londra, dedicato al produttore Albert R. Broccoli. Il film fu prodotto con un budget di 25 milioni di dollari, mentre il costo della pellicola originale, secondo Corman, era di 30.000 dollari[1]. Come il suo predecessore, il film di Oz non ebbe un grosso successo commerciale, ma si apprestò a diventare un film culto[2]. Il film fu candidato all'Oscar per i migliori effetti speciali.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato a New York negli anni sessanta, il film segue le vicende del giovane e goffo Seymour Krelborn e Audrey, la sua collega al negozio di fiori del Signor Mushnik. Per via della mancanza di clientela, Mushnik pensa di chiudere il negozio quando all'improvviso Audrey gli consiglia di esporre la strana pianta che possiede Seymour. Infatti l'esposizione di quella pianta, che egli ha soprannominato "Audrey II", attira subito un cliente e Seymour spiega di aver preso la piantina (che somiglia a una pianta carnivora) da un negozio cinese durante un'eclissi. Proprio quando gli affari dal negozio migliorano, la piantina inizia a morire, preoccupando Seymour. Il ragazzo prova di tutto per farla star meglio ma nulla funziona, finché egli si taglia accidentalmente un dito scoprendo che la piantina si nutre di sangue umano per vivere.

Audrey II inizia a crescere gradualmente e così Seymour diventa una celebrità locale. Egli prova a chiedere ad Audrey di uscire con lui, ma lei rifiuta perché ha già organizzato un appuntamento con il suo fidanzato, il dottor Orin Scrivello, un sadico e violento dentista. Nonostante ciò Audrey segretamente ricambia l'amore che Seymour prova per lei. Di notte, non appena Seymour chiude il negozio, Audrey II inizia a parlare domandandogli di ricevere più sangue, ma Seymour spiega di non poter più darle il proprio. Allora la pianta gli propone di uccidere la gente per nutrirla, promettendogli che in cambio lo avrebbe fatto diventare ricco e famoso. Inizialmente Seymour rifiuta l'orribile proposta della pianta, ma quando vede Audrey che viene maltrattata da Scrivello, cambia idea.

Così Seymour si prende un appuntamento dal dentista portandosi una revolver per uccidere Scrivello, ma alla fine non ha il coraggio di compiere tale gesto. Ironicamente è lo stesso Scrivello a uccidersi quando la valvola di controllo di un suo apparecchio incorporato che gli pompa nelle narici del gas esilarante si rompe e Seymour semplicemente non fa niente per aiutarlo. Seymour trascina il cadavere sorridente di Scrivello al negozio e si mette a macellarlo per Audrey II, venendo però scoperto dal signor Mushnik, che scappa orripilato. I giorni seguenti Seymour vede la polizia investigare sulla scomparsa di Scrivello, ma per consolazione riesce finalmente a esprimere i suoi sentimenti per Audrey. Di sera Seymour viene ricattato dal signor Mushnik, che lo minaccia di consegnarlo alla giustizia per l'omicidio di Scrivello, a meno che non gli dica il segreto della crescita di Audrey II. Seymour spinge il signor Mushnik nelle fauci di Audrey II.

Nonostante gli affari del negozio vadano alle stelle e Seymour diventi popolare, egli inizia a preoccuparsi della crescita di Audrey II e del suo insaziabile appetito per il sangue. Quando gli viene offerto il contratto per un programma televisivo sulla botanica, Seymour pianifica di usare il denaro per andarsene da New York con Audrey lasciando la pianta morire di fame. Dopo essersi accordato con la ragazza, Seymour viene colto da Audrey II, che gli domanda un altro pasto. Seymour accetta pur insistendo di prendere la carne dal macellaio. Mentre è fuori, la pianta avvicina Audrey e tenta di mangiarla. Dopo averla salvata, Seymour incontra un venditore che gli offre un contratto per prendere i semi della pianta e metterli in vendita. Comprendendo che sarebbe un disastro, Seymour va al negozio per eliminare la pianta. Audrey II rivela di essere in realtà un alieno che ha intenzione di conquistare il mondo con i suoi boccioli. La pianta tenta di uccidere Seymour facendogli crollare addosso il soffitto del negozio, ma Seymour contrattacca e infilza Audrey II con un cavo elettrico, facendo esplodere lei e la sua prole.

Nel finale, Seymour e Audrey si sposano e dopo le nozze corrono felici nella loro nuova casa fuori dalla tetra New York, ma nel loro giardino si nota una piccola pianta simile ad Audrey II...

Finale alternativo[modifica | modifica wikitesto]

Nel finale originale del film (che è più fedele al musical) Audrey veniva gravemente ferita dall'attacco di Audrey II e dopo una canzone d'addio con Seymour, Somewhere that's green, lui lascia che la pianta finisca di mangiarla. Seymor sale poi sul tetto di un palazzo per suicidarsi, ma allora appare un uomo che gli dice di avere già estratto un bocciolo da Audrey II e di averlo messo sul mercato.

Seymor si confronta con Audrey II, che dopo il numero musicale Mean green mother from outer space prevale su Seymor e lo mangia senza pietà. Poi vengono mostrate le tre cantanti del coro davanti a un'enorme bandiera americana che raccontano attraverso la canzone finale Don't feed the plants come i boccioli di Audrey II vennero venduti per tutto il paese e come vennero nutriti con del sangue dagli invani compratori. Il film si conclude quindi con New York assediata da dei boccioli di Audrey II cresciuti e diventati giganti che distruggono palazzi, divorano dei civili e si arrampicano in cima alla Statua della Libertà mentre compare la scritta "THE END" con l'aggiunta di "?!?", infine Audrey II sfonda lo schermo per mangiare anche lo spettatore del film.

Questo finale fu rifiutato poiché il pubblico dei test screening lo trovò troppo drammatico, quindi fu girato il finale nel quale Audrey non muore e Seymour sconfigge la pianta, ma lasciandolo ambiguo con il bocciolo di Audrey II sopravvissuto. In seguito il finale originale fu restaurato e inserito nelle nuove edizioni in Blu Ray del film.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roger Corman interview - MJSimpson.co.uk
  2. ^ http://www.musical.it/boxbottega2.htm

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema