La paura fa 90

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando un episodio de I Simpson, vedi La paura fa novanta I-X e La paura fa novanta XI-XX.
La paura fa 90
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1951
Durata 90 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere comico
Regia Giorgio Simonelli
Soggetto Vittorio Metz, Marcello Marchesi
Sceneggiatura Vittorio Metz, Marcello Marchesi, Mario Amendola, Alberto Vecchietti
Produttore Aleandro Di Poalo
Casa di produzione Edic
Distribuzione (Italia) Edic
Fotografia Tino Santoni
Montaggio Nino Baragli
Musiche Armando Fragna
Scenografia Flavio Mogherini
Costumi Elio Costanzi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La paura fa 90 è un film del 1951 diretto da Giorgio Simonelli.

L'idea del castello (abitato da un fantasma, o un vampiro o un mostro) invaso da una compagnia di attori o di ballerine (o da una troupe cinematografica, come accadeva nel fantasy-romantico Incanto di mezzanotte del 1940) non è certo originale e verrà ripresa successivamente da pellicole horror "serie", quali L'amante del vampiro, L'ultima preda del vampiro o Il boia scarlatto.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Prologo: un capitano dei moschettieri del re, un po' dongiovanni, il duca di Boffignac, è stato ucciso da un marito tradito, tale Champignon, e il suo fantasma vaga nel castello di colui che lo ha ucciso, condannato a restarvi fintanto non abbia vendicato la sua morte violenta, eliminando parimenti tutti i discendenti del suo carnefice. Albori anni '50: i componenti di una compagnia di rivista, attori, stelline e soubrettes, sono costretti a pernottare una notte, proprio in quel castello, ormai abbandonato, se si escludono i custodi Pinotto ("dell'Italia settentrionale") e Bargilio.

E, udite udite, fra di essi c'è Carlo "Carletto" Champignon che non è altri che un discendente di colui che uccise Boffignac. L'attor comico della compagnia, Anastasio, avendo appreso la storia dello spettro di Boffignac, si traveste da moschettiere-fantasma e a mezzanotte compare, ma, casualmente, s'incontra proprio con l'autentico fantasma, e così, per lo spavento, sviene. Il fantasma viene accolto a cuscinate dalle attrici, giacché esse credono si tratti di Anastasio. Allora lo spettro si nasconde in un vecchio baule, suo abituale rifugio diurno. Quando la compagnia ritorna a casa, porta seco per errore anche il baule.

Il fantasma compie alcuni prodigi in scena e viene persino scritturato dall'impresario. Alla fine, quando la soubrette - dopo aver tentato di uccidere, per gelosia, l'impresario - accusa ingiustamente Carletto, il fantasma ne prende generosamente le difese, dichiarando che la miglior vendetta è il perdono. Il gesto lo redime, e può finalmente salire al Cielo, con i suoi compagni moschettieri, che sono stati finora ad attenderlo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema