La morte in vacanza (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La morte in vacanza
Titolo originale Death Takes a Holiday
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1934
Durata 79 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1.37 : 1
Genere drammatico, romantico
Regia Mitchell Leisen
Soggetto dal dramma di Alberto Casella
Sceneggiatura Maxwell Anderson, Gladys Lehman
Produttore E. Lloyd Sheldon
Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia Charles Lang
Musiche Bernhard Kaun, John Leipold, Milan Roder
Costumi Travis Banton, Edith Head
Interpreti e personaggi

La morte in vacanza (Death Takes a Holiday) è un film del 1934 diretto da Mitchell Leisen ed ispirato all'omonimo dramma di Alberto Casella, ispirato alle leggende riguardanti la sua villa estiva - villa Josephine, soprannominata la "villa maledetta" - a Rocchetta Cairo (Cairo Montenotte), anglicizzato da Walter Ferris.

Accolto calorosamente all'epoca dell'uscita, il successo commerciale e di critica ottenuto, spinse negli anni immediatamente successivi all'adattamento del film per il teatro e trasmissioni radiofoniche.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo alcuni anni passati vanamente nel chiedersi perché mai le persone la temono, la Morte decide di personificarsi in un uomo così da conoscere il loro mondo e assopire le domande sulla vita che da tanto tempo lo opprimono.

Gli eventi, però, stravolgono i suoi piani e si innamora della giovane e attraente Grazia, che conoscendo il suo segreto dimostra di non aver paura per l'amore che li unisce. Alla morte ormai umana, viene presentato il Duca Lambert, padre di Grazia, che una volta saputa l'identità dell'uomo lo implora di ritornare nella sua forma se davvero tiene al rapporto con la figlia.

Nel frattempo, la morte si scorda completamente le sue funzioni in veste umana e il ciclo vitale corre senza fermarsi bloccando le morti in tutto il mondo, e si tormenta alla domanda di tornare a rimanere solo nell'eternità lasciando il mondo di sentimenti e soprattutto, Grazia.

Rifacimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1971, gli Universal Studios comprarono i diritti cinematografici del film con l'intenzione di realizzare rifacimenti nell'immediato:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema