La morte di Marat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La morte di Marat
La morte di Marat
Autore Jacques-Louis David
Data 1793
Tecnica olio su tela
Dimensioni 165 cm × 125 cm 
Ubicazione Museo reale delle belle arti del Belgio, Bruxelles

La morte di Marat è un dipinto a olio su tela (165x125 cm) realizzato nel 1793 dal pittore Jacques-Louis David. È conservato nel Museo reale delle belle arti del Belgio e fa parte assieme a La morte del giovane Barra e Gli ultimi istanti di Michel Lepeletier della trilogia dedicata ai martiri della Rivoluzione. .

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio della supplica

Il dipinto raffigura Jean-Paul Marat, una delle menti della Rivoluzione francese, riverso nella vasca (dove si trovava sempre, a causa di una dermatite contratta in ambienti malsani), pugnalato a morte da Charlotte Corday D'Armont. La giovane era andata da lui con una lettera (ancora visibile tra le mani di Marat) nella quale gli chiedeva una grazia («Al Cittadino Marat: la mia grande infelicità mi dà diritto alla vostra benevolenza»), ma dopo aver consegnato la missiva, lo uccise.

Questo dipinto è da considerarsi la santificazione laica di un rivoluzionario; ogni oggetto presente nel quadro assume una funzione simbolica e di reliquia. Su di una cassa di legno di fianco alla vasca e usata da Marat come sostegno per scrivere, è scritto il laconico omaggio dell'artista: «À Marat, David». Il calamaio, una penna d'oca, un assegno e una lettera per la Corday («...darete questo assegno a vostra madre...») assurgono per David a reliquie laiche, e saranno realmente esposte nel giorno del funerale.

Il dipinto ha forti richiami caravaggeschi[1], David infatti aveva visto i dipinti di Caravaggio in Italia, nell'illuminazione che evidenzia la cruda realtà delle cose e del cadavere. Lo stesso braccio di Marat non è altro che la ripresa quasi letterale del braccio del Cristo nella Deposizione, come di quello raffaellesco della Deposizione Borghese (a sua volta ripreso da un sarcofago con morte di Meleagro, in cui si vede il braccio pendulo dell'eroe). La penna d'oca nella mano di Marat e il coltello alla sua destra sono due armi, una metaforica e l'altra concreta. La penna di Marat e il coltello dell'assassina creano un contrasto volto ad accentuare la bontà del primo e la crudeltà della seconda.

Tutti gli elementi superflui, persino l'assassina, sono stati rimossi dall'autore. L'opera è fortemente neoclassica; lo si scopre ad esempio nel dettaglio del viso dello stesso Marat: l'espressione non trasmette la drammaticità della morte, Marat sembra quasi sorridere, una caratteristica tipica delle sculture dell'arte greca. Questa espressione del viso sta anche a significare che Marat è morto felice e fiero di se stesso, è questo che il pittore vuole trasmettere. La pennellata è precisa, accademica, fine in ogni suo dettaglio.

Dimenticato dopo la morte di Robespierre, riscoperto da Stendhal e poi da Baudelaire (la sua analisi rimane un riferimento celebre), il quadro di David ha ispirato molti artisti ulteriori: Munch, Picasso e Ferdinando Cicconi, per esempio, ne hanno dipinto una versione.

In letteratura il quadro ha ispirato Peter Weiss per il suo famoso lavoro di teatro La persecuzione e l'assassinio di Jean-Paul Marat, rappresentato dalla compagnia filodrammatica dell'ospizio di Charenton sotto la guida del marchese de Sade.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Morte: quattro quadri a confronto

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Klaus Holma, David. Son évolution, son style, Paris, P. Lajay, 1940
  • Jean Starobinski, 1789, les emblèmes de la raison, Paris, Flammarion, 1979
  • Hanno-Walter Kruft, An antique model for David's Marat, in «The Burlington Magazine» CXXV, 967, October 1983, pp. 605–607; CXXVI, 973, April 1984
  • Jorg Traeger, Der Tod des Marat: Revolution des menschenbildes, München, Prestel, 1986
  • Michel Thévoz, Le théâtre du crime. Essai sur la peinture de David, Paris, Éditions de Minuit, 1989
  • Jacques Guilhaumou, La mort de Marat, Bruxelles, Éditions Complexe, 1989 Recensione
  • Roland Mortier, La mort de Marat dans l'imagerie révolutionnaire, in «Bulletin de la Classe des Beaux-Arts, Académie Royale de Belgique», I, 10-11, 1990, pp. 131–144
  • Laura Malvone, L'Évènement politique en peinture. A propos du Marat de David, in «Mélanges de l'École française de Rome. Italie et Méditerranée», n° 106, 1, 1994
  • Jacques-Louis David’s Marat, a cura di W. Vaughan & H. Weston, Cambridge University Press, 2000
  • Marc Vanden Berghe, Ioana Plesca, Nouvelles perspectives sur la Mort de Marat: entre modèle jésuite et références mythologiques, Bruxelles, 2004
  • Olivier Coquard, Marat assassiné. Reconstitution abusive, in «Historia Mensuel», 691, juillet 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura