La moglie del centauro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La moglie del centauro
Titolo originale The Wife of the Centaur
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1924
Durata 81 min
Colore B/N
Audio muto
Rapporto 1,33 : 1
Genere drammatico
Regia King Vidor

Aiuto regia: David Howard

Soggetto dal romanzo The Wife of the Centaur di Cyril Hume
Sceneggiatura Douglas Z. Doty (adattamento)
Casa di produzione Metro-Goldwyn Pictures Corporation
Fotografia John Arnold
Montaggio Hugh Wynn
Scenografia Cedric Gibbons
Costumi Sophie Wachner
Interpreti e personaggi

La moglie del centauro (The Wife of the Centaur) è un film muto del 1924 diretto da King Vidor.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jeffrey Dwyer, un romanziere nevrotico, si innamora di Joan, una ragazza semplice dalla bellezza non appariscente. Quando però Jeffrey conosce la passionale Inez Martin, perde completamente la testa per lei. La relazione tra i due finisce ben presto: Inez lo lascia per sposare Harry Todd. Distrutto, Jeffrey comincia a bere. Lo salva il ricordo di Joan. Tornato da lei, la sposa e insieme, vanno a vivere in uno chalet in montagna, lontano da tutti. Lì, Jeffrey torna a scrivere.

Ma la loro esistenza è sconvolta dall'arrivo di Inez. Fallito il suo matrimonio, la tentatrice ha deciso di riprendersi Jeffrey. Affittato un villino, si trasferisce poco distante: lo scrittore cede ancora una volta. Poi, però, si rende conto di ciò che sta facendo e lascia, questa volta per sempre, l'amante per tornare dalla moglie che lo accoglie di nuovo a casa, perdonandolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Metro-Goldwyn Pictures Corporation

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn Pictures Corporation, il film - presentato da Louis B. Mayer - uscì nelle sale cinematografiche USA il 1º dicembre 1924. In Germania, il film fu distribuito dalla Universum Film (UFA) con il titolo Ein Mädchen und drei alte Narren. Il film viene considerato presumibilmente perduto[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Silent Era

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La grande parata - Il cinema di King Vidor a cura di Sergio Toffetti e Andrea Morini, Lindau 1994 ISBN 88-7180-106-7
  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema