La minorenne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La minorenne
Titolo originale La minorenne
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 89 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere erotico
Regia Silvio Amadio
Casa di produzione Domizia
Musiche Roberto Pregadio
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La minorenne è un film del 1974 diretto da Silvio Amadio.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il conseguimento del diploma presso un collegio di suore, Valeria (Gloria Guida) torna a casa e trova una situazione familiare allo sbando. Il padre (Marco Guglielmi) , imprenditore, uomo con una personalità debole, è succube del suo socio in affari Carlo (Giacomo Rossi Stuart), la madre Franca (Rosemarie Dexter) è l' amante di Carlo, il fratello Lorenzo (Luciano Roffi) è continuamente indebitato tanto da farsi pagare dagli amici per farsi spiare mentre va a letto con la cameriera Carlotta. Intanto Valeria stringe amicizia in particolare con un uomo (Corrado Pani) che vive da eremita in una baracca su una spiaggia e si circonda di opere d' arte fatte da lui stesso , e con uno dei ragazzi (Fabrizio Moroni) che frequenta la comunità di Lorenzo. Quest' ultimo mostra un certo interesse verso Valeria al punto da intervenire quando la stessa Valeria si prodiga in uno spogliarello a pagamento organizzato dal fratello Lorenzo per i suoi amici al fine di pagare uno dei suoi debiti. Lorenzo è costretto a partire perché ha tentato di ricattare il prete confessore di famiglia. Valeria decide di concedersi all' amico di Lorenzo, ma quando gli rivela di essere vergine , lui ci ripensa e la lascia andar via. Delusa, Valeria accetta da Carlo l' invito ad andare con lui nel suo appartamento , ma di fronte alle perversioni dell' uomo che, per eccitarsi, si traveste da ufficiale nazista e agita un frustino, lei scappa via. A questo punto, alla ragazza non resta che rivolgersi all' artista incontrato in spiaggia con il quale avviene l' agognato amplesso.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Si tratta del secondo film che vede protagonista Gloria Guida dopo La ragazzina di Mario Imperoli (1974) ed è il primo diretto da Silvio Amadio, regista di buona parte delle pellicole anni '70 con la bionda attrice.
  • Il film presenta diverse scene insolitamente cruente per il genere commedia erotica all'italiana , genere a cui esso appartiene. Tali scene sono state montate nella parte iniziale del film , quando Valeria è ospite del collegio, e sono la proiezione di allucinazioni di cui è protagonista la stessa Valeria sotto lo sguardo del padre, e che riflettono, in qualche modo, i suoi desideri : nella prima allucinazione, durante la scena iniziale , girata in modo alquanto realistico e crudo ,Valeria viene inseguita e violentata da una banda di motociclisti. In un ' altra allucinazione, il medico del collegio che visita Valeria viene assalito dalle altre collegiali e da lei stessa evirato con un bisturi. Infine Valeria immagina di essere crocifissa e frustata dalle suore e poi liberata e accarezzata dalle compagne del collegio.
  • La soundtrack firmata da Roberto Pregadio è molto variegata con alcune partiture orchestrate in stile Musica beat anni '70 e altre che presentano accenti stile Easy listening