La meteora infernale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La meteora infernale
La Meteora Infernale (The Monolith Monsters, 1957) .png
Una scena del film
Titolo originale The Monolith Monsters
Paese di produzione USA
Anno 1957
Durata 77 min
Colore b/n
Audio sonoro
Genere fantascienza
Regia John Sherwood
Soggetto Jack Arnold, Robert M. Fresco
Sceneggiatura Norman Jolley, Robert M. Fresco
Fotografia Ellis W. Carter
Montaggio Patrick McCormack
Musiche Joseph Gershenson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La meteora infernale è un film del 1957 diretto dal regista John Sherwood.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un geologo trova una strana roccia di origine meteorica in una zona desertica della California. Incuriosito la porta all'ufficio. Quella notte un colpo di vento fa cadere una bottiglia d'acqua sulla roccia, che comincia a sfrigolare e sembra prendere vita. Il giorno dopo il capo-geologo Dave Miller ritorna all'ufficio e lo trova distrutto da una enorme massa di roccia nera. Il suo aiutante è morto, e giace pietrificato. In seguito anche una bambina viene in contatto con la strana roccia nera del deserto e sviluppa i sintomi della pietrificazione.

Ben presto ci si accorge che la roccia è capace di crescere quando viene a contatto con l'acqua, e anche con le creature viventi che hanno acqua nel corpo. Inoltre assorbe silicio dal suolo e dai corpi. Guarda caso proprio adesso nel deserto comincia a piovere, e le rocce crescono e prolificano, minacciando il vicino villaggio. Ben presto tutta la regione viene messa in allarme e numerose persone sono ricoverate con i sintomi del contagio. Niente sembra fermare le rocce che avanzano inesorabilmente.

Per fortuna si scopre che una soluzione salina è in grado di fermare la crescita delle rocce. Il geologo ha un piano e, contravvenendo agli ordini del governatore, mina con la dinamite la diga di un lago artificiale. Dopo l'esplosione la massa d'acqua inonda un bacino salato asciutto, assorbendo i sali, e si riversa sui monoliti rocciosi che stanno per raggiungere un fiume, così fermandone l'avanzata.

La Terra è salva. La produzione del film , anche se gli sceneggiatori ufficiali furono altri , si basava su di un'idea di Jack Arnold che aveva steso un primo abbozzo di sceneggiatura. Appare del tutto evidente la mano del grande regista, infatti ci sono tutti gli elementi classici dei suoi film. il deserto che regna sovrano in quasi tutte le inquadrature, la vita in un villaggio tranquillo che viene minacciato all'improvviso da eventi mostruosi e difficili da risolvere; i personaggi amatissimi dal pubblico: il giornalista, lo scienziato , lo sceriffo, la ragazza bella e volitiva, la popolazione che reagisce in modo coraggioso e concorde. La minaccia , mostruosa e difficile da sconfiggere, è una delle più originali mai rappresentate sullo schermo: si tratta infatti di un meteorite caduto nei pressi della cittadina che ha in sé il germe della vita e che quindi ha la possibilità di crescere e generare altri esseri simili ad esso. Il resto della storia è desumibile dalla trama. Quello che è invece interessante è come vennero realizzati gli effetti speciali. Non si trattava di costruire la miniatura di un mostro ma di realizzare una sorta di roccia che cresceva e che ne generava altre; il reparto effetti speciali cercò un tipo di materiale che servisse allo scopo ed esso venne identificato in una speciale resina, trasparente e molto fragile. Vennero costruiti diversi stampi in gomma grazie ad una matrice che imitava cristalli realmente esistenti, in questi stampi venne colata la succitata resina che venne colorata in una tonalità nero marrone ma con la caratteristica di conservare una buona trasparenza . Vennero anche approntati alcuni set in miniatura due in particolare furono curati nei dettagli: quello a ridosso delle montagne dove le rocce si sviluppano di continuo e quello che mostra il mare di acqua e sale che consumerà definitivamente i monoliti di roccia. L' ultima realizzazione, in particolare , diede un grande risultato durante le riprese trasmettendo allo spettatore tutta la tensione e l'aspettativa dei protagonisti. Il film fu comunque girato in economia ed alcune scene, purtroppo ne risentirono; in particolar modo quelle in cui si vedono le persone pietrificate è sin troppo evidente come l'effetto venne realizzato con un opera di maquillage ma che non convince sino in fondo; sarebbe stato sufficiente realizzare delle semplici maschere in lattice per ottenere un effetto molto più realistico, il tutto ad un costo molto basso. Il pubblico accolse con favore il film che aveva dalla sua una forte originalità e nel tempo è diventato un cult.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]