La madre (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La madre
Titolo originale Мать
Autore Maksim Gor'kij
1ª ed. originale 1906
1ª ed. italiana 1928 [1]
Genere romanzo
Lingua originale russo
Personaggi Pelageja Nilvona Vlasova, Pavel

La madre è un romanzo di Maksim Gor'kij del 1906.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Protagonista del romanzo è Pelageja Nilvona Vlasova, moglie del fabbro ubriacone Vlasov. Dopo la morte del marito, una trasformazione radicale si produce nel modo di essere e di pensare di Pelageja. Causa del suo mutamento è il figlio Pavel, operaio socialista, che fa di casa sua un covo di riunioni politiche; a contatto con il figlio e i suoi amici, Pelageja, affascinata dal pensiero politico dei ragazzi, si libera da ogni timore e pregiudizio. Nel momento in cui Pavel e i suoi amici vengono imprigionati, rinata nella sua nuova fede politica, Pelageja si trasforma nella madre di tutti i compagni del figlio. Quando viene a sapere che i giovani sono stati condannati, distribuisce i volantini con il testo rivoluzionario pronunciato da Pavel in tribunale. Scoperta dai militari, lascia i volantini, invocando a gran voce il suo appello per i lavoratori, ma nel tumulto rimane uccisa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Edizione a cura della casa editrice Monanni di Milano. In terza pagina compare la dicitura "Unica edizione italiana". Vedi, ad esempio, in Google Book: La madre: romanzo di vita russa.
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura