La lotteria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La lotteria
Titolo originale The Lottery
Autore Shirley Jackson
1ª ed. originale 1948
Genere racconto
Lingua originale inglese

La lotteria (The Lottery) è un racconto scritto da Shirley Jackson, comparso per la prima volta nel 1948 sul New Yorker. Ha ispirato molti scrittori di libri horror, come Stephen King. Nell'edizione italiana, il racconto appare con altre tre storie brevi: Lo sposo(The deamon lover), Colloquio (The colloquy) e Il fantoccio (The Dummy).

Lo stile di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre ogni storia comincia con un'atmosfera calma, tranquilla, per poi sfociare in una serie di eventi violenta e paurosa. Infatti le storie si basano molto sull'effetto a sorpresa finale. Tutte e quattro le storie sono di genere horror, intrecciate con dettagli all'apparenza insignificanti, per mettere in risalto la conclusione, con la quale si potrà comprendere il resto del testo. A volte non c'è proprio spiegazione per gli eventi che accadono.

La lotteria (1948)[modifica | modifica wikitesto]

Ambientata in un piccolo villaggio di trecento persone, La lotteria inizia il 27 del mese di giugno, gli abitanti del villaggio si apprestano tutti ad un grande raduno, parlando di "semina, di raccolti ed altre frivolezze". I bambini giocano radunando dei sassi, le mamme si raccontano pettegolezzi. Anche se l'atmosfera sembra giovale, serena, si comincia a notare qualcosa di sinistro; tutti gli abitanti sorridono non felici, ma nervosi. Andando avanti, avvengono le preparazioni per la lotteria, solo alla fine, si scopre la verità: il vincitore verrà infatti lapidato, e così si conclude il racconto.

Lo sposo (1949)[modifica | modifica wikitesto]

Una mattina una donna, si prepara per il suo matrimonio. Ma lo sposo non arriva. Comincia così una ricerca disperata, dove la donna in questione chiederà agli edicolanti, ai fiorai, ai portinai, se hanno visto passare "un uomo molto alto vestito di blu". Solo dopo ore la ragazza riesce ad avere notizie del suo futuro sposo; ma si ritroverà a dover far fronte ad una realtà crudele e pericolosa

Colloquio (1949)[modifica | modifica wikitesto]

Una donna, preoccupata per la salute mentale del marito si reca nello studio dello psichiatra. Dopo un colloquio pieno di deliri e confusione, la donna lascerà lo studio, più confusa di prima, più disperata che mai; ma non può rendersi conto delle emozioni provate dal dottore mentre vede la sua figura pallida, folle e maniacale mentre esce dalla porta

Il fantoccio (1949)[modifica | modifica wikitesto]

Due donne passano una serata in un ristorante a cenare. All'improvviso sul palco, compare un ventriloquo:fa parlare un manchino, un fantoccio. Terminato il numero, il fantoccio e il ventriloquo continuano la conversazione, e all'improvviso le due donne si rendono conto che forse il fantoccio non è poi così legato all'abilità del suo maestro.

Riferimenti in altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel video musicale Man That You Fear dello shok-rocker Marilyn Manson, c'è un chiaro riferimento al racconto La lotteria, in quanto Manson viene lapidato dagli abitanti di un villaggio nomadi in un luogo isolato del deserto.
  • Nell'episodio "Dog of Death" della serie animata The Simpson (anno 1992), il presentatore del telegiornale Kent Brockman annuncia che sono state controllate tutte le copie della Lotteria in quanto non si trovi il vincitore. A questo punto Homer Simpson butta contrariato la sua copia nel fuoco.
  • Nell'episodio di South Park "Il nuovo look di Britney", (2008) gli abitanti del villaggio intendono sacrificare Britney Spears per un raccolto abbondante; il modo con cui l'hanno estratta a sorte ricorda il procedimento usato anche dagli abitanti del villaggio ne "La lotteria".
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura