La liceale seduce i professori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La liceale seduce i professori
La liceale seduce i professori - Doccia.jpg
Lino Banfi e Gloria Guida nella classica scena della doccia
Titolo originale La liceale seduce i professori
Paese di produzione Italia
Anno 1979
Durata 89 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, erotico
Regia Mariano Laurenti
Soggetto Mariano Laurenti, Francesco Milizia
Sceneggiatura Mariano Laurenti, Francesco Milizia
Casa di produzione Dania
Fotografia Federico Zanni
Montaggio Alberto Moriani
Musiche Gianni Ferrio
Scenografia Elio Micheli
Interpreti e personaggi

La liceale seduce i professori è un film della commedia erotica all'italiana del 1979 diretto dal regista Mariano Laurenti, terzo capitolo della serie della Liceale, quasi il sequel di La liceale nella classe dei ripetenti.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Perché possa studiare tranquillamente, lontana dalle distrazioni cittadine, Angela viene mandata dal padre in una cittadina della Puglia a casa dello zio, preside del liceo, vittima - a sua volta - di continui scherzi degli studenti.

Ben presto i ragazzi si innamorano di lei, compresi lo zio ed il cugino, che suona di nascosto in una banda ed è amato dalla procace Irma, ma Angela mira in alto, entrando nel cuore di un professore burbero.

Dato lo scarso profitto, i ragazzi della banda vorrebbero sfruttare delle situazioni a loro vantaggio, dall'intrusione di Irma a casa del preside - memorabile la scena della camera da letto coadiuvata dal merlo chiacchierone - al ricattare il professore attraverso Angela. I piani falliscono miseramente con la generale bocciatura all'esame di maturità.

La protagonista, cui spetterebbe la medesima sorte, addolcisce la magra con l'annuncio della sua prossima maternità.

Tra i personaggi Arturo (Ninetto Davoli) è un parente del preside, separato, che si offre in qualità di domestico, pur non potendo mancare l'appuntamento pre serale con i cartoni della serie Goldrake, allora agli esordi. Il professore balbuziente, appassionato di astronomia e fantascienza, è un fervente lettore una novella della collana Perry Rhodan. Il bidello, qui un poco loquace Alvaro Vitali, dirige la banda musicale del liceo, cui il preside tenta invano di suonare la tuba. La sua ex moglie va spesso a trovarlo in presidenza travestita da uomo, ponendolo in situazioni imbarazzanti.

« Tombola, quaternola e cinquinola! »
(Lino Banfi per la lieta notizia di Angela)

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è uno dei primi non vietati ai minori, nonostante scene di nudità, quando alcuni mesi prima un omologo "L'infermiera di notte", interpretato sempre da Guida, recava il divieto ai minori di anni 18. Girato nei Comuni di Trani (Liceo, il lungomare Cristoforo Colombo, la Cattedrale, il porto, la discoteca "Samarcanda" e il Cinema "Impero") e Corato.[1]

Lino Banfi è accreditato nei titoli come "partecipazione straordinaria"; Gloria Guida si concede un paio di interventi canori mentre Micaela Esdra le presta la voce.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda di Vito Attolini per Apulia film commission