La lentezza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La lentezza
Titolo originale La lenteur
Autore Milan Kundera
1ª ed. originale 1995
Genere Romanzo
Lingua originale francese
Ambientazione Cecoslovacchia, 1950 circa - 1965 circa

La lentezza (originale La lenteur) è un romanzo pubblicato nel 1995 dallo scrittore ceco Milan Kundera. Si tratta della sua prima opera narrativa in lingua francese.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un castello francese adibito ad hotel viene ospitato un convegno di entomologia. La trama, sullo sfondo del racconto erotico-sociologico Senza domani di Vivant Denon e qualche riflessione sul pensiero edonistico di Epicuro, intreccia le vicende di alcuni fra gli ospiti: personaggi di varia umanità, che - come di consueto nelle opere di Kundera incarnano i vizi e vezzi umani quotidiani. Emergono le seguenti figure:

  • Jacques-Aloys Berck, un politico esibizionista
  • Immacolata, una regista amata (senza risposta) da Berck in gioventù, che ora mira al politico per interesse;
  • Vincent, un giovane assistente che vive nell'ammirazione del saggio Pontevin, del quale imita invano l'efficacia dialettica;
  • Il professor Cecopitschy, docente ceco di entomologia caduto in disgrazia dopo la Rivoluzione di Praga del 1968; allontanato dalla facoltà per tradimento del regime comunista e costretto ad esercitare il mestiere di muratore per vent'anni; per lui il convegno è l'occasione per un riscatto (che avverrà in maniera tutta particolare).

Fra i personaggi si riconosce anche (insieme con la moglie Vera) l'autore stesso, il quale - fra i molti spunti di riflessione offerti dalla narrazione - esalta la lentezza del titolo come indice direttamente proporzionale alla piacevolezza di un ricordo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura