La guardia nera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La guardia nera
Titolo originale The Black Watch
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1929
Durata min
Colore bianco e nero
Audio sonoro
Rapporto 1,20 : 1
Genere avventura, drammatico
Regia John Ford
Soggetto Talbot Mundy
Sceneggiatura John Stone, James Kevin McGuinness
Produttore Winfield R. Sheehan
Casa di produzione Fox Film Corporation
Fotografia Joseph H. August
Montaggio Alex Troffey
Interpreti e personaggi

La guardia nera (The Black Watch) è un film del 1929 diretto da John Ford. Il film è conosciuto in Italia anche con il titolo Il Black Watch.[1]


È un film d'avventura statunitense con Victor McLaglen, Myrna Loy, David Torrence e David Rollins. È basato sul romanzo King of the Khyber Rifles di Talbot Mundy. È incentrato sulle vicende del capitano scozzese del reggimento Black Watch dell'esercito britannico assegnato ad una missione segreta in India durante la prima guerra mondiale.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film racconta di un capitano del Reggimento della Guardia Nera dell’esercito Britannico assegnato ad una missione segreta in India proprio quando la sua compagnia viene inviata a combattere in Francia allo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Il suo incarico segreto ha come conseguenza l’essere considerato un codardo dai suoi compagni che lo accusano di aver voluto sottrarsi ai rischi della guerra. I sospetti sembrano confermati quando egli viene coinvolto in una rissa tra ubriachi in India, che provoca la morte di un altro ufficiale. Il film vanta la partecipazione di un ventunenne John Wayne impiegato come comparsa e anche nel dipartimento di arti e costumi per il film.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da John Ford su una sceneggiatura di John Stone e James Kevin McGuinness con il soggetto di Talbot Mundy (autore del romanzo),[3] fu prodotto da Winfield R. Sheehan per la Fox Film Corporation[4] e girato con un budget stimato in 400.000 dollari.[5] Il titolo di lavorazione fu King of the Khyber Rifles.[6] Alcune scene d'amore tra Victor McLaglen e Myrna Loy furono girate ed aggiunte al film alla fine delle riprese dirette da Ford, a seguito di una esplicita richiesta del produttore Sheehan. Le nuove scene furono dirette da Lumsden Hare. Queste aggiunte provocarono in seguito la sdegnata reazione di Ford ("Quando le vidi, volevo vomitare").[7]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito con il titolo The Black Watch negli Stati Uniti dal 22 maggio 1929 (premiere l'8 maggio 1929)[6] al cinema dalla Fox Film Corporation.[4]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[6]

  • in Danimarca il 28 agosto 1930 (Den skotske Kaptajn)
  • in Finlandia il 24 aprile 1931
  • in Messico il 13 febbraio 1976 (John Ford Festival)
  • in Italia il 2010 (Porretta Terme Film Festival),
  • nel Regno Unito (King of the Khyber Rifles)
  • in Argentina (Shari, la hechicera)
  • in Spagna (Shari, la hechicera)
  • in Brasile (A Guarda Negra, versione sottotitolata)
  • in Francia (La garde noire)
  • in Italia (La guardia nera)

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953 ne è stato prodotto un remake, La carica dei Kyber (King of the Khyber Rifles).[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IL BLACK WATCH - Film (1929) - Comingsoon.it. URL consultato il 10 luglio 2014.
  2. ^ (EN) La guardia nera - AllRovi. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  3. ^ La guardia nera - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  4. ^ a b La guardia nera - IMDb - Crediti per le compagnie. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  5. ^ La guardia nera - IMDb - Box office / incassi. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  6. ^ a b c La guardia nera - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  7. ^ La guardia nera - MYmovies. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  8. ^ (EN) La guardia nera - IMDb - Collegamenti ad altri film. URL consultato il 13 gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema