La folgore nera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La folgore nera
Titolo originale Pincher Martin
Autore William Golding
1ª ed. originale 1956
Genere Romanzo
Sottogenere Avventura
Lingua originale inglese

La folgore nera (Pincher Martin) è il terzo romanzo di William Golding.

La storia narra la sorte di un naufrago, Christopher Hadley Martin, alla deriva nella notte nell'Oceano Atlantico settentrionale. Martin riesce a raggiungere uno scoglio isolato, l'isola di Rockall, dove sopravvive solitario bevendo acqua piovana, nutrendosi di molluschi, anemoni di mare e della speranza di venire salvato. Confrontandosi coi lati oscuri della sua vita passata scivolerà via via verso la follia.

Il libro mostra diverse similitudini con l'opera più celebre di Golding, Il signore delle mosche. Negli anni Sessanta La folgore nera fu un libro di culto presso il pubblico inglese, anche se molto discusso e controverso fu il suo finale a sorpresa. Negli Stati Uniti il libro venne pubblicato inizialmente con un nuovo titolo, The Two Deaths of Christopher Martin, ma nelle edizioni successive fu ripristinato il titolo originale.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura