La fine del silenzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La fine del silenzio
Titolo originale Renaissance
Altri titoli L'uomo dei due mondi
Autore Raymond F. Jones
1ª ed. originale 1951
1ª ed. italiana 1966
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Protagonisti Ketan

La fine del silenzio (Renaissance), edito anche come L'uomo dei due mondi,[1] è un romanzo di fantascienza di Raymond F. Jones del 1951. Inizialmente pubblicato a puntate dal 1944 sulla rivista Astounding, solo anni dopo è stato riscritto in forma omogenea per una edizione unica. La prima edizione italiana è del 1966.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ketan è un Ricercatore che vive a Kronweld, un mondo costituito da un'unica città delimitata da una barriera invalicabile di origine sconosciuta e una landa di fuochi eterni. Kronweld è governato dalla Karildex, una macchina che raccoglie ogni minima informazione sui cittadini, tra cui passioni e tratti della personalità, e che per questo risulta essere il migliore metodo di governo mai realizzato. Ma la ricerca viene limitata pesantemente dalle convinzioni religiose che da tempo hanno preso piede nella cittadina e che vietano ad esempio di scoprire come vengono al mondo i nuovi concittadini attraverso il Tempio della Nascita.

Ketan tra tutti si pone maggiormente domande relative alla natura di Kronweld, finché un giorno non si decide a scoprire i misteri finora celati dalla religione. Ma proprio la notte in cui vuole distruggere il Tempio della Nascita per rivelarne i segreti, viene raggiunto da una vecchia che gli affida un compito: uccidere tre infiltrati di una strana organizzazione segreta, tra cui risulterebbe anche la sua ragazza, Elta. La vecchia lo avverte che questa organizzazione, gli Statisti, proviene da un altro mondo e vuole annientare Kronweld, ma Ketan non sa se credere a queste parole finché il giorno dopo non viene rinchiuso nei suoi alloggi dopo aver discusso delle sue ricerche illecite con il comitato cittadino.

A questo punto al ragazzo è chiaro che a parte la superstizione, c'è davvero una organizzazione che sta cercando di soffocare la ricerca e distruggere Kronweld. Ma nonostante tutto in cuor suo non può uccidere Elta solo per questo motivo. Il ragazzo decide quindi di perseguire il suo piano iniziale: penetrare nel Tempio della Nascita e scoprire una volta per tutte da dove arrivano i nuovi nati.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Raymond F. Jones, La fine del silenzio, collana Urania Collezione n° 90, Arnoldo Mondadori Editore, 2010, p. 394.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edizioni di La fine del silenzio in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]