La figlia del capitano (film 1947)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La figlia del capitano
La figlia del capitano (1947) titolo.png
Titolo originale La figlia del capitano
Paese di produzione Italia
Anno 1947
Durata 97 minuti
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Mario Camerini
Soggetto Aleksandr Puskin
Sceneggiatura Ivo Perilli, Mario Camerini, Steno, Mario Monicelli
Produttore Luigi Rovere e Dino De Laurentiis
Casa di produzione Lux Film
Fotografia Aldo Tonti
Montaggio Mario Camerini
Musiche Fernando Previtali
Scenografia Piero Filippone
Costumi Maria de Matteis
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La figlia del capitano è un film del 1947 diretto da Mario Camerini.

Il soggetto è tratto dal romanzo omonimo di Aleksandr Puskin, tra gli sceneggiatori anche Steno e Mario Monicelli.

Sul medesimo soggetto, nel 1965 è stato girato uno sceneggiato televisivo dallo stesso titolo, La figlia del capitano, in cui Amedeo Nazzari interpreta lo stesso personaggio.

È stato presentato in concorso al Festival di Cannes 1947[1] in cui vinse il Nastro d'argento.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Piotr e Mascia

Russia: durante il regno di Caterina II il giovane alfiere Piotr, in seguito a una mancanza di responsabilità, viene spedito per punizione dal padre, un ex generale, in un fortino sperduto nella steppa siberiana. Durante il tragitto assieme all'accompagnatore Savelich, riverisce, salvando da morte certa, un cosacco scampato a una valanga di neve. Giunto a destinazione viene accolto nella casa del capitano Minorov. Qui rimane attratto dalla bella Mascia, figlia del capitano, la quale riceve anche le attenzioni, non ricambiate, del giovane ufficiale Svabrin.

Il cosacco Pugacioff

I due si fidanzano, ma l'armonia viene interrotta dall'assalto al fortino delle orde ribelli dei cosacchi capitanati da Emiliano Pugacioff, il quale si fa passare per lo zar Pietro III grazie alla sua forte somiglianza col sovrano. Conquistato il fortino, Pugacioff fa impiccare chiunque non decida di unirsi a lui. Svabrin giura fedeltà all'uomo, Piotr rinuncia e viene messo al patibolo. Pochi istanti prima dell'esecuzione Savelich riconosce nel feroce capo l'uomo da loro salvati pochi mesi prima. Pugacioff offre riconoscenza ai due salvandoli dall'impiccagione. In seguito il forte viene attaccato dalle truppe imperiali e riconquistato. Nel mentre Piotr e Svabrin hanno un duello di spada in cui Svabrin viene ferito mortalmente, non prima di accusare Piotr di essersi venduto ai ribelli in presenza delle truppe. Piotr viene così condannato a morte. Disperata, Mascia tenta di raccontare la realtà dei fatti alla regina Caterina, che rimane pressoché inflessibile. Poco prima della pena capitale Caterina si reca nelle segrete da Pogacioff per sapere la verità sul giovane: egli afferma che Piotr non ha mai tradito la sovrana. Caterina concede dunque la grazia al fedele Piotr, il quale può così riunirsi all'amata Mascia.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« [...] Il film merita in pieno il successo ottenuto a Cannes perché risolto con mezzi scenici sempre esatti, senza enfasi, senza inutili decorativismi ambientali, senza superflue compiacenze emotive.Per la prima volta Amedeo Nazzari partecipa intimamente alla natura del suo personaggio. La Dilian riesce a superare se stessa con una interpretazione sensibilizzata al massimo. Ottimi anche Gassman a Danova [...]. »
(Alfredo Orecchio su Il Messaggero del 12 ottobre 1947)
« [...] Pur con qualche toccarella di cattivo gusto, e con un chè di vagamente disorganizzato e approssimativo, La figlia del capitano è un lavoro nobile e dignitoso, di effetto sicuro o d'infallibile presa. Le cose migliori sono la rappresentazione del fortino sperduto e la figura spavalda e pittoresca di Pugacioff, che Amedeo Nazzari interpreta egregiamente. Gassmann dà al personaggio di Svabrin il taglio e il sibilo del « malvagio » di qualità, mentre più convenzionali e scialbi riescono Cesare Danova e Irasema Dilian, cui meglio degli sfoghi frontali e delle apostrofi ai troni, si addicono vezzosi pigolii e incantati stupori. Della Russia ritagliata nella campagna romana, non c'è che dire, essa fa una eccellente figura, e cosi in certe « macchiette » e situazioni è qualcosa di romanescamente sbracato che passa benissimo, senza sforzo, per colorito barbarico. »
(Leo Pestelli su Stampa Sera del 23 ottobre 1947[2])

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Aldo Silvani interpreta il ruolo di Mironov e allo stesso tempo doppia l'attore Gualtiero Tumiati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1947, festival-cannes.fr. URL consultato il 25-1-2011.
  2. ^ Irasema strapazza Caterina di Russia

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema