La costanza trionfante degl'amori e degl'odii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La costanza trionfante degl'amori e degl'odii
Lingua originale italiano
Genere dramma per musica
Musica Antonio Vivaldi
Libretto Antonio Marchi
Atti tre
Prima rappr. 18? gennaio 1716
Teatro Teatro San Moisè di Venezia
Versioni successive

vedi RV 706-B, RV 706-C, RV 706-D, RV 706-E

Personaggi
  • Artabano, re dei Parti (tenore)
  • Tigrane, re d'Armenia (contralto)
  • Doriclea, sua consorte (soprano)
  • Eumena, loro figlia (contralto)
  • Getilde, principessa amante di Farnace (contralto)
  • Olderico, principe d'Armenia e amante di Eumena (tenore)
  • Farnace, favorito di Tigrane, amante di Getilde (contralto)

La costanza trionfante degl'amori e degl'odii per un dramma per musica in tre atti di Antonio Vivaldi su libretto di Antonio Marchi.

Il lavoro fu messo in scena per la prima volta il 18 gennaio 1716 al Teatro San Moisè di Venezia e venne dedicato al Marchese Mantinengo.

Primi interpreti[modifica | modifica wikitesto]

ruolo tipologia vocale primi interpreti, 1716[1]
Farnace contralto (travesti) Rosa Mignati
Olderico tenore Carlo Antonio Mazza
Getilde contralto Rosa d'Ambreville
Eumena contralto Chiara Stella Cenacchi
Doriclea soprano Francesca Miniati
Tigrane contralto castrato Filippo Piccoli
Artabano tenore Antonio Denzio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ secondo Italianopera.org (consultata il 16 dicembre 2010)
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica