La conquista di Plassans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La conquista di Plassans
Titolo originale La conquête de Plassans
ZolaConquestPlassans.jpg
Autore Émile Zola
1ª ed. originale 1874
Genere romanzo
Sottogenere drammatico
Lingua originale francese
Ambientazione Francia
Serie Ciclo dei Rougon-Macquart
Preceduto da Il ventre di Parigi
Seguito da La colpa dell'abate Mouret

La conquista di Plassans (La conquête de Plassans) è un romanzo dello scrittore francese Émile Zola pubblicato nel 1874, il quarto del ciclo dei Les Rougon-Macquart.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La vicenda si svolge a Plassans, la culla dei Rougon-Macquart, una piccola città immaginaria simile a Aix-en-Provence alla quale Zola si ispira e il romanzo può considerarsi sotto molti aspetti come la continuazione del primo romanzo del ciclo, La fortuna dei Rougon del 1871. La sua trama ruota attorno alla figura di un chierico e ai suoi intrighi politici che avranno conseguenze disastrose per alcuni degli abitanti della cittadina.

All'inizio del romanzo la vita domestica di François Mouret e di sua moglie e cugina Marthe, nata Rougon, appare nell'insieme serena, anche se François soffre di un disturbo ossessivo e Marthe risente chiaramente di una forma di malattia mentale che Zola fa risalire alle tare ereditarie della famiglia Rougon-Macquart.

Costoro hanno tre figli: Octave, Serge e Desirée. Octave è il figlio maggiore, ragazzo intelligente ma irresponsabile, Serge è il minore e il suo carattere è tranquillo ma introverso e Desirée soffre di handicap mentale.

La loro vita familiare viene distrutta dall'arrivo di uno strano chierico, l'abate Faujas, e di sua madre, che affittano una stanza nella casa dei Mouret. Lentamente emerge che il misterioso straniero è arrivato in città per cercare di vincere l'influenza delle forze politiche attraverso una serie di intrighi machiavellici, trame, calunnie e insinuazioni procedendo a confondere la vita dei Mouret a tal punto che il debole François finisce in un istituto mentale, mentre la povera Marthe impazzisce veramente.

La reazione della gente della città è descritta in modo esemplare da Zola e le tattiche dei gruppi che si trovano a resistere alle macchinazioni dell'Abate Faujas sono molto acutamente osservate.

La narrazione si mantiene per tutto il romanzo ad un ritmo incalzante che serve a costruire un clima di sorprendente violenza e orrore. Anche se il romanzo mette in evidenza la battaglia tra gli interessi del clero e l'influenza politica governativa nella città di provincia del Secondo Impero, la sua forza non sta tanto nella descrizione del mondo politico, ma nel suo dramma umano.

Edizioni italiane[modifica | modifica sorgente]

  • trad. di Edmondo Corradi, Treves, Milano 1880; L'Elzeviriana ed., Firenze 1903; E. Voghera, Roma 1910
  • trad. di Piera Guarino, Editori Riuniti, Roma 1960
  • trad. di Ulisse Benedetti, introduzione di Edda Cantoni, Sansoni, Firenze 1973
  • trad. e prefazione di Sebastiano Timpanaro, introduzione di Lanfranco Binni, Garzanti (Grandi libri n. 518), Milano 1993 ISBN 881158518X

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura