La città degli angeli (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La città degli angeli
Wayne Rogers City of Angels 1976.JPG
Wayne Rogers nel ruolo del detective Jake Axminster
Titolo originale City of Angels
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1976
Formato serie TV
Genere poliziesco, giallo
Stagioni 1
Episodi 13
Durata 60 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1,33 : 1
Colore colore
Audio mono
Crediti
Ideatore Stephen J. Cannell, Roy Huggins
Interpreti e personaggi
Musiche Nelson Riddle
Produttore Philip DeGuere, William F. Philips
Produttore esecutivo Roy Huggins, Jo Swerling Jr
Casa di produzione Roy Huggins-Public Arts Productions, Universal TV
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 3 febbraio 1976
Al 18 maggio 1976
Rete NBC

La città degli angeli (City of Angels) è una serie televisiva statunitense in 13 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di una sola stagione nel 1976.

È una serie poliziesca ambientata a Los Angeles negli anni 1930 e incentrata sui casi affrontati dal detective privato Jake Axminster.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Los Angeles, anni 30. Jake Axminster è un investigatore privato che affronta casi di varia natura, in particolare casi di corruzione e scandali nell'alta società. Axminster è aiutato nei suoi sforzi investigativi dalla sua segretaria, la svampita bionda Marsha Finch, e dall'avvocato Michael Brimm. Brimm è chiamato spesso a difendere Axminster dagli oneri (soprattutto accuse inventate) mossi contro di lui dal tenente Murray Quint, un grasso, fumatore di sigari, membro corrotto del Los Angeles Police Department.

Axminster guida una Studebaker del 1934 e tiene il suo ufficio nel centro di Los Angeles, nel Bradbury Building (l'ufficio Brimm è di fronte al municipio). Per i suoi servizi, Axminster richiede una parcella di 25 dollari al giorno più le spese. Egli si trova regolarmente in pericolo, aiutando gli amici o i clienti, e risulta un peso per la polizia con le sue domande e il suo intrufolarsi nelle indagini. Beve caffè perché ne è assuefatto. Sembra essere costantemente in debito, e diverse volte chiede prestiti agli amici e anche al suo lustrascarpe, Lester. In generale, si lamenta spesso degli sforzi che fa per sopravvivere. "Tutti gli angeli hanno lasciato questa città 20 anni fa", è il suo succinto riassunto degli anni 30.[2]

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

La serie, ideata da Stephen J. Cannell e Roy Huggins (che avevano già lavorato insieme in Agenzia Rockford), fu prodotta da Roy Huggins-Public Arts Productions e Universal TV[3] e girata a Los Angeles in California.[4] Le musiche furono composte da Nelson Riddle.[5]

Liberamente ispirata al film del 1974 Chinatown,[6] La città degli angeli adotta la stessa visione cinica della Los Angeles negli anni della depressione, un luogo in cui Hollywood e la criminalità organizzata erano in competizione per l'attenzione del pubblico. Questa serie trova le sue radici anche nel romanzo poliziesco hard boiled del 1946 di Roy Huggins, The Double Take,[7] che in precedenza aveva fornito il materiale di base per un'altra serie, 77 Sunset Strip .

I soggetti di diversi episodi si basano su elementi reali. L'episodio pilota, diviso in tre parti, The November Plan, è basato su un famoso complotto americano del 1933 noto come il Business Plot , che coinvolse diversi facoltosi uomini d'affari che cercarono di abbattere l'allora presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt con un colpo di stato. Un altro episodio, The Castle of Dreams, è caratterizzato da un costoso bordello dove le prostitute sono sosia delle star del cinema. Il locale è basato sullo storico T&M Studio (poi rappresentato anche in L.A. Confidential come "Fleur de Lis Club"). Nel corso degli episodi sono presenti anche diversi temi quali il nazismo, il comunismo, il Ku Klux Klan.

Registi[modifica | modifica sorgente]

Tra i registi sono accreditati:[5]

Sceneggiatori[modifica | modifica sorgente]

Tra gli sceneggiatori sono accreditati:[5]

  • Roy Huggins in 9 episodi (1976)
  • Stephen J. Cannell in 4 episodi (1976)
  • Gloryette Clark in 2 episodi (1976)
  • Philip DeGuere in 2 episodi (1976)

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

La serie fu trasmessa negli Stati Uniti dal 3 febbraio 1976 al 18 maggio 1976[8][9] sulla rete televisiva NBC.[3] In Italia è stata trasmessa con il titolo La città degli angeli.[1]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[10]

  • negli Stati Uniti il 3 febbraio 1976 (City of Angels)
  • in Francia il 16 febbraio 1977 (Los Angeles, années 30')
  • nel Regno Unito il 1º settembre 1981
  • in Italia (La città degli angeli)

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV USA
Prima stagione 13 1976

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b La città degli angeli - MYmovies. URL consultato il 23 maggio 2012.
  2. ^ Wilkins, Barbara. "TV's 'Manure,' Says Wayne Rogers, Who Plays the Angles as Skillfully as 'City of Angels'." People, 8 marzo 1976.
  3. ^ a b La città degli angeli - IMDb - Crediti per le compagnie di produzione e distribuzione. URL consultato il 23 maggio 2012.
  4. ^ La città degli angeli - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 23 maggio 2012.
  5. ^ a b c La città degli angeli - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 23 maggio 2012.
  6. ^ Thompson, Robert J. (1990). Adventures on Prime Time: The Television Programs of Stephen J. Cannell. Praeger Publishers. ISBN 0-275-93330-X. Pg. 74. Excerpts of the book can be found here
  7. ^ Pierce, J. Kingston. "The Book You Have to Read: 'The Double Take,' by Roy Huggins." The Rap Sheet, January 9, 2009.
  8. ^ La città degli angeli - IMDb - Elenco degli episodi. URL consultato il 23 maggio 2012.
  9. ^ La città degli angeli - tv.com - Elenco degli episodi. URL consultato il 23 maggio 2012.
  10. ^ La città degli angeli - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 23 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione