La città d'oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La città d'oro
La città d'oro (film 1942).JPG
Kristina Söderbaum
Titolo originale Die goldene Stadt
Lingua originale tedesco
Paese di produzione Germania
Anno 1942
Durata 110 min (Germania)

109 min (Spagna)

Colore colore
Audio sonoro Mono (Tobis-Klangfilm)
Rapporto 1,37 : 1
Genere drammatico
Regia Veit Harlan
Soggetto dal lavoro teatrale Der Gigant di Richard Billinger
Sceneggiatura Veit Harlan, Alfred Braun e Werner Eplinius
Produttore esecutivo Veit Harlan
Casa di produzione Universum Film (UFA)
Fotografia Bruno Mondi
Montaggio Friedrich Karl von Puttkamer
Musiche Hans-Otto Borgmann
Scenografia Karl Machus e Erich Zander
Interpreti e personaggi
Premi

La città d'oro (Die goldene Stadt) è un film del 1942 scritto, diretto e prodotto da Veit Harlan.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu prodotto dall'Universum Film (UFA). Gran parte del film fu girato in Cecoslovacchia, sulla Moldava, a Praga, ad Hradschin, sul Ponte Carlo e nella Cattedrale di San Vito. Altre scene vennero girate in Sassonia e negli studi berlinesi dell'UFA[1].

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

La pellicola venne presentata in prima il 3 settembre 1942 alla Mostra del Cinema di Venezia dove la protagonista, Kristina Söderbaum, vinse la Coppa Volpi. Il film uscì poi in sala a Berlino il 24 novembre 1942[2] distribuito dalla Deutsche Filmvertriebs (DFV).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IMDb Locations
  2. ^ IMDb release info

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema