La casa di Bernarda Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La casa di Bernarda Alba
Opera teatrale in tre atti
Autore Federico García Lorca
Titolo originale La casa de Bernarda Alba
Lingua originale Spagnolo
Composto nel 1936
Prima assoluta 1945
Buenos Aires
Personaggi
  • Bernarda (60 anni)
  • Angustias (39 anni), figlia maggiore
  • Magdalena (30 anni), seconda figlia
  • Amelia (27 anni), terza figlia, la più timida
  • Martirio (24 anni), quarta figlia
  • Adela (20 anni), figlia minore
  • La Poncia (60 anni), la cameriera principale
  • María Josefa (80 anni), madre di Bernarda
  • Tre donne del popolo
  • Pepe il Romano (25 anni), personaggio che non appare mai in scena
  • Prudencia (50 anni), amica di Bernarda
  • Cameriera (50 anni), seconda cameriera di Bernarda
 

La casa di Bernarda Alba (titolo originale in spagnolo: La casa de Bernarda Alba) è un'opera teatrale in tre atti scritta nel 1936 da Federico García Lorca. L'opera fu scritta da García Lorca alcuni mesi prima della sua morte e fu rappresentata per la prima volta a Buenos Aires nel 1945.

Assieme alle altre tragedie Yerma e Nozze di sangue, La casa di Bernarda Alba fa parte di una trilogia incentrata sul ruolo della donna e sulla sua sottomissione nella Spagna rurale degli anni trenta. Le vicende si snodano intorno al personaggio di Pepe il Romano che, però, non appare mai in scena.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia, ambientata in Andalusia, narra della dispotica Bernarda Alba, la quale, in seguito alla morte del marito, impone un lutto rigoroso alla madre Maria Josefa e alle sue cinque figlie (Angustia, Magdalena, Amelia, Martirio, Adela) impedendo loro di uscire di casa e di intrattenere rapporti con il sesso opposto; solo alla figlia maggiore, Angustia, che ha ereditato una parte consistente del patrimonio paterno, è concesso sposarsi con un giovane del paese, "Pepe il romano", il quale è unicamente interessato alla dote della sposa. L'ultimogenita Adela si innamora del promesso sposo della sorella, con cui ha una storia d'amore, portata alla luce dalla sorella Martirio. Bernarda finge di aver ucciso il giovane, scatenando una tragica vicenda: segue il suicidio per impiccagione di Adela, che non intende piegarsi alla volontà della madre e che non intende rinunciare a Pepe. Per difendere l'onorabilità della propria famiglia, Bernarda Alba conclude il dramma proclamando che sua figlia è morta vergine e ordinando il silenzio sull'intera vicenda.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro