La casa del buio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La casa del buio
Titolo originale Black House
Autore Stephen King e Peter Straub
1ª ed. originale 2001
Genere Romanzo
Sottogenere Dark fantasy
Lingua originale inglese

La casa del buio (Black House) è un romanzo dello scrittore horror Stephen King e di Peter Straub, pubblicato nel 2001. È il sequel del romanzo Il talismano.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel romanzo viene richiamato il racconto "Le Piccole Sorelle di Eluria" della raccolta Tutto è fatidico e ambientato nel contesto della serie de La Torre Nera.
Quando Jack Sawyer torna nei Territori, incontra Sophie proprio nella tenda-ospedale de "Le Piccole Sorelle". Sophie informa Jack che si trova in questa specie di "ospedale ambulante" gestito da "Le Piccole Sorelle" che non sono poi altro che una specie di vampiri assetati di sangue.
Questo lascerebbe intuire che i Territori conosciuti da "Jack Viaggiante" ne La casa del buio siano il mondo di Roland di Gilead descritto nella serie La Torre Nera, quest'ipotesi sarebbe accreditata dal fatto che, come dice Parkus, in questi "nuovi" Territori non si tratta più di gemellanti; a conferma di questo Jack nota che gli abiti e gli oggetti portati dal nostro mondo non mutano in questi Territori (come accade nella saga della torre nera) e inoltre è proprio in questi Territori che si trovano: il Fine-Mondo, La Torre Nera, i raggi (vettori) e il Devar-Toi.
Da questo se ne deduce che i Territori visitati da "Jack Viaggiante" nel primo libro siano differenti da quelli visitati da Jack Sawyer ne La casa del buio, riprendendo così il concetto dei mondi paralleli descritto proprio nella serie della La Torre Nera.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]