La casa dei nostri sogni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La casa dei nostri sogni
La casa dei nostri sоgni.png
una scena del film
Titolo originale Mr. Blandings Builds His Dream House
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1948
Durata 94 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1.33.1
Genere commedia
Regia Henry C. Potter
Sceneggiatura Norman Panama, Melvin Frank
Produttore Melvin Frank, Norman Panama
Produttore esecutivo Dore Schary
Casa di produzione RKO
Distribuzione (Italia) RKO (1949)
Fotografia James Wong Howe
Musiche Leigh Harlin
Scenografia Carroll Clark, Albert S. D'Agostino
Costumi Robert Kalloch
Trucco Gordon Bau e (non accreditata) Hazel Rogers
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La casa dei nostri sogni (Mr. Blandings Builds His Dream House) è un film del 1948 diretto da Henry C. Potter, tratto dal romanzo omonimo di Eric Holdings.

La pellicola prende spunto dalla commedia George Washington Slept Here (George Washington ha dormito qui) di George S. Kaufman e Moss Hart[1]

Fu distribuito negli Stati Uniti il 25 marzo 1948.

Nel 1986 è stato girato un rifacimento, Casa, dolce casa?, con Tom Hanks e Shelley Long.

Trama[modifica | modifica sorgente]

« Per il resto della mia vita sarò costretto ad alzarmi alle 5.00 per prendere il treno delle 6.15 ed essere al lavoro alle 8.00, l'ufficio apre alle 9.00 ed io non ci arrivo mai prima delle 10.00! »
(Jim Blandings interpretato da Cary Grant)

Jim Blandings è un pubblicitario newyorkese, sposato con Muriel e padre di due bambine, Betsy e Joan. Stanco della routine della metropoli e del proprio appartamento ormai troppo piccolo e poco confortevole per lui e la famiglia, decide di acquistare una vecchia casa con un vasto terreno nel Connecticut, che ha notato in una inserzione, e di cui sia lui che Muriel si sono perdutamente innamorati a prima vista.

Dal momento in cui Jim firma il contratto, si susseguono disavventure a non finire: dopo alcuni sopralluoghi da parte di esperti di edilizia, il responso è che la casa è in condizioni troppo disastrose per essere restaurata, e quindi dovrà essere abbattuta e ricostruita.

Dopo diversi consulti con professionisti del settore, Jim affida l'incarico all'architetto Simms ma, poco dopo aver completato i lavori di abbattimento, viene a scoprire che la vecchia casa era gravata da un'ipoteca. Pagando una salata penale, Jim riesce comunque a dare inizio ai lavori di costruzione della nuova casa, affrontando altri mille problemi: la scoperta di una falda acquifera nel punto di costruzione che ritarda l'inizio dei lavori, il pozzo che non ha acqua, la porta dello sgabuzzino che non si apre dall'interno, alcune finestre che risultano disperse, il moltiplicarsi delle spese impreviste e l'improvviso ordine di sfratto dal vecchio appartamento cittadino, che costringe i Blandings a trasferirsi nella nuova residenza a lavori ancora in corso.[2]

Jim ci rimette anche la stima del suo datore di lavoro, che da mesi attende inutilmente da lui lo slogan per una nota marca di prosciutto. Di fronte alle avversità e al crescente nervosismo del marito, solo Muriel continua a mantenere la calma, grazie anche all'amicizia dell'avvocato Bill Cole, suo ex fidanzato e compagno di collegio, il quale tenta pazientemente di consigliare Jim e di tenere d'occhio gli aspetti burocratici dell'operazione.

Pur di riuscire a costruire la casa dei suoi sogni, Jim arriverà a spendere il quadruplo di quanto aveva preventivato, sopportando infinite difficoltà e momenti di vero e proprio sconforto. Ma alla fine il risultato lo ripagherà e, proprio nel momento in cui crederà di aver perduto il lavoro, Jim troverà inaspettatamente lo slogan pubblicitario tanto sospirato, grazie all'arguzia della domestica Jessie.

« Il prosciutto non mangiam
se non è di marca Wham »
(Lo slogan alfine escogitato)

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000 l'American Film Institute ha inserito il film al 72º posto della classifica delle cento migliori commedie americane di tutti i tempi.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

I protagonisti Cary Grant e Myrna Loy avevano già recentemente girato un'altra commedia ovvero L'intraprendente signor Dick (1947).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nel doppiaggio italiano del film, l'agente immobiliare che fa visitare la proprietà a Jim e Muriel riferisce che fu il nonno di Theodore Roosevelt a fermarsi e a far abbeverare il suo cavallo presso la casa
  2. ^ Nel film, nella parte di uno dei carpentieri, compare brevemente l'attore Lex Barker, futuro interprete cinematografico del ruolo di Tarzan

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema