La canzone dei filosofi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bruces' Philosopher Song
Artista Monty Python
Autore/i Eric Idle
Genere Musica demenziale
Pubblicazione
Incisione The Monty Python Matching Tie and Handkerchief
Data 1973
Etichetta Charisma Records
Durata 0:52

La canzone dei filosofi (Bruces' Philosophers Song) è uno sketch/canzone del film Monty Python Live at the Hollywood Bowl, anche se la canzone era stata registrata nell'album The Monty Python Matching Tie and Handkerchief.

Lo sketch[modifica | modifica wikitesto]

Lo sketch inizia con un gruppo di tre Bruce (personaggi già incontrati ne Lo sketch dei Bruce nel Monty Python's Flying Circus) interpretati da Eric Idle, Michael Palin e Neil Innes, che si presentano al pubblico dicendo di appartenere all'Università di Woolloomooloo (sobborgo di Sydney) e, dopo aver schernito il pubblico di americani dicendo che la loro birra fa schifo, decidono di cantare, insieme a una Bruce donna (interpretata da Carol Cleveland), una canzone che parla della passione per la birra di famosi filosofi.

I filosofi citati nella canzone sono:

  1. Immanuel Kant
  2. Martin Heidegger
  3. David Hume
  4. G.W.F. Hegel
  5. Ludwig Wittgenstein
  6. August Wilhelm Schlegel
  7. Friedrich Nietzsche
  8. Socrate
  9. John Stuart Mill
  10. Platone
  11. Aristotele
  12. Thomas Hobbes
  13. René Descartes

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni filosofi sono ritratti con alcune loro vere qualità:

  • Nella canzone, Kant era "molto raramente stabile", riferimento alla sua teoria dell'universo stabile.
  • Nel verso di Descartes "Bevo quindi sono" è una parodia della famosa frase "Penso quindi sono".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione