La caduta dell'impero romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La caduta dell'Impero romano
Titolo originale The Fall of the Roman Empire
Paese di produzione USA, Spagna
Anno 1964
Durata 153 (USA 188 min)
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere epico, storico, drammatico
Regia Anthony Mann
Sceneggiatura Ben Barzman, Philip Yordan, Basilio Franchina
Casa di produzione Samuel Bronston Productions
Fotografia Robert Krasker (Technicolor-Ultra Panavision 70)
Montaggio Robert Lawrence, Magdalena Paradell
Musiche Dimitri Tiomkin
Scenografia Venerio Colasanti, John Moore
Costumi Veniero Colasanti, John Moore
Trucco Grazia De Rossi, Mario Van Riel, José Luis Pérez
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

La caduta dell'impero romano è un film del 1964 diretto da Anthony Mann.

È un film storico ambientatio nell'Antica Roma con Sophia Loren, Stephen Boyd, Alec Guinness, Christopher Plummer, James Mason, Omar Sharif, Mel Ferrer, Anthony Quayle e John Ireland. Fu presentato fuori concorso al 17º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nell'anno 180, durante una guerra contro i Barbari in Germania, l'anziano imperatore romano Marco Aurelio viene avvelenato dal figlio Commodo, a cui passa il potere imperiale. Intanto i popoli barbari continuano a premere lungo le frontiere dell'Impero romano. Presto Commodo dovrà render conto alla sorella Lucilla ed al di lei amante, Livio, della sua condotta sanguinaria. Dallo scontro finale ne emergerà la morte dell'imperatore e l'abbandono a sé stesso dell'Impero, poiché né Lucilla né Livio ne rileveranno la toga imperiale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1964, festival-cannes.fr. URL consultato l'11 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]