La bella Antonia, prima monica e poi dimonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bella Antonia, prima Monica e poi Dimonia
Paese di produzione Italia
Anno 1972
Durata 83 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, erotico
Regia Mariano Laurenti
Soggetto Carlo Veo
Sceneggiatura Carlo Veo
Fotografia Tino Santoni
Montaggio Giuliana Attenni
Musiche Berto Pisano
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La bella Antonia, prima Monica e poi Dimonia è un film del 1972, diretto dal regista Mariano Laurenti.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La bella Antonia non può sposare Fosco, perché l'avaro padre rifiuta la dote, allora decide di farsi suora. Alla fine riuscirà a sposare Fosco, tradendolo lo stesso giorno del matrimonio.

Note[modifica | modifica sorgente]

È la seconda commedia erotica all'italiana, dopo il boccaccesco Quando le donne si chiamavano madonne.

Incassò ben 518.000.000 di lire dell'epoca.

Lo spasimante Fosco è interpretato da Romano Malaspina, voce storica di Actarus nella serie animata UFO Robot Goldrake e icona del doppiaggio italiano.

Tra gli altri: Luciana Turina interpreta la Madre Badessa, doppiata da Lydia Simoneschi la quale era più grande di lei di 38 anni, e il pittore, interpretato dal cantante Piero Focaccia.

Piero Focaccia, alla sua seconda e ultima prova d'attore, interpreta anche la canzone dei titoli di testa e di coda: "La mutanda-nda".

Alcune scene in esterna sono state girate a Gubbio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]