La banda/Se c'è una cosa che mi fa impazzire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La banda/Se c'è una cosa che mi fa impazzire
La banda.jpg

Artista Mina
Tipo album Singolo
Pubblicazione Maggio 1967
Durata 2 min : 35 sec
2 min: 38 sec
Album di provenienza Sabato sera - Studio Uno '67
Genere Pop
Etichetta Ri-Fi RFN NP 16208
Formati 7"
Note Grafica dello studio Moletti.
Mina - cronologia
Singolo successivo
(1967)

La banda/Se c'è una cosa che mi fa impazzire è un singolo di Mina, pubblicato su vinile a 45 giri nel maggio 1967.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Lato A

Arrangaimento: Augusto Martelli; Edizioni: Cicogna

Lato B

Arrangiamento: Gianni Ferrio; Edizioni: Curci

Storia[modifica | modifica sorgente]

È l'ultimo singolo ufficiale inciso da Mina per la Ri-Fi: alla fine del 1967, infatti, la cantante decise di fondare assieme al padre una propria etichetta discografica, la PDU.

La banda

Cover della brasiliana A banda di Chico Buarque de Hollanda, tradotta in italiano da Antonio Amurri.
Mina la presentò nella terza puntata dello show da lei condotto Sabato sera (15 aprile 1967), per poi riproporla anche nell'ottava puntata (10 giugno). In estate (1º luglio) la cantante andò ospite, sempre con La banda, nella trasmissione Eccetera, eccetera..., presentandosi con un nuovo look (capigliatura cortissima biondo-platino).
Il 45 giri riportò Mina ai vertici della hit-parade (oltre tre mesi in classifica, raggiunse la seconda posizione), risultando quattordicesimo tra i singoli più venduti dell'anno.
Tre anni dopo, la cantante incise il pezzo anche in lingua originale (portoghese), nell'album Mina canta o Brasil (1970).

Se c'è una cosa che mi fa impazzire

Composto da Bruno Canfora e Antonio Amurri, anche il lato B conobbe un'ottima notorietà: fu presentato due volte da Mina a Sabato sera (l'8 aprile e il 20 maggio 1967), e successivamente anche nel quinto ciclo di Caroselli Barilla, andati in onda in autunno.