La bambina che amava Tom Gordon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bambina che amava Tom Gordon
Titolo originale The Girl Who Loved Tom Gordon
Autore Stephen King
1ª ed. originale 1999
Genere romanzo
Sottogenere horror
Lingua originale inglese

La bambina che amava Tom Gordon è un romanzo scritto da Stephen King e pubblicato nel 1999. Tratta di una bambina, Patricia "Trisha" McFarland, persa nel bosco per molti giorni.

Nel 2004, è stato scritto da Simon and Schuster un adattamento sotto forma di libro per bambini, con disegni di Kees Moerbeek e Alan Dingman.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia comincia con una gita di famiglia durante la quale il fratello e la mamma di Trisha discutono animatamente del suo divorzio, così come di altri argomenti. Trisha si allontana per non dover sentire la discussione e non riesce a ritrovarli dopo essere entrata nel bosco per bisogni fisici.

Inizia a camminare nella direzione che crede giusta, ma fa una curva sbagliata e si perde, continuando ad addentrarsi nel cuore della foresta. Si ritrova con poca acqua, una merendina confezionata ed il suo walkman per poter sopravvivere. Ascolta di continuo la radio per tenere alto l'umore, per ascoltare notizie sulla sua ricerca o per seguire le partite di baseball del suo giocatore preferito, Tom Gordon, lanciatore di rilievo dei Boston Red Sox.

Mentre inizia la lotta per la sopravvivenza risparmiando il poco cibo che ha, raccogliendo bacche e così via, la madre ed il fratello tornano alla macchina senza di lei e chiamano la polizia per iniziare le ricerche. Naturalmente, cercano vicino al sentiero, ma ormai lei si è allontanata. La ragazza decide di seguire un torrente, immaginando che tutti i fiumi portino a qualche abitazione.

Mentre i poliziotti interrompono la ricerca per la notte, si sdraia sotto un albero per riposare. Alla fine, una combinazione di paura, fame e sete le causano allucinazioni. Si immagina molte delle persone che conosce, incluso il suo eroe Tom Gordon, apparire dal nulla. King non specifica se i segni di un mostro notati sugli alberi siano anch'essi frutto delle allucinazioni. Bisogna notare che si trova nello stesso bosco descritto in Pet Sematary, alcuni addirittura ipotizzano che i segni visti da Trisha siano stati lasciati da Wendigo, uno spirito pellerossa che abita nelle foreste del Maine, lo stesso incontrato dal dottore quando venne a seppellire il figlio nel cimitero Micmac.

Ore e giorni passano, mentre Trisha vaga nel bosco. Finisce per credere di essere braccata dal Dio dei Perduti, un mostro demoniaco con la faccia formata da uno sciame di vespe (le stesse che avevano punto Trisha nei giorni precedenti). Il viaggio diventa una prova sulle capacità di una bambina di mantenere la salute mentale mentre vede avvicinarsi la morte. Raggiunge una strada, ma appena trova segni di civiltà, si trova ad affrontare un orso, che in quel momento riconosce come Dio dei Perduti. Tenta di sconfiggerlo lanciandogli il walkman, e viene salvata da un cacciatore.

Teologia[modifica | modifica sorgente]

La bambina che amava Tom Gordon esplora la teologia in tre forme: il Dio dei Perduti, il Sub-udibile ed il Dio Tom Gordon.

Il Dio dei Perduti segue Trisha sotto forma di un grosso e violento orso con vespe al posto degli occhi. Appare anche con le altre due forme come uomo vestito con un mantello nero ed una faccia formata da vespe.

Il Sub-udibile viene menzionato all'inizio ed appare a Trisha con le sembianze del padre. Viene descritto come una forza che influenza gli eventi con il favore delle persone; ad esempio una bomba nucleare non è più stata usata dopo la seconda guerra mondiale.

Il Dio Tom Gordon è un riferimento alla sua abitudine di indicare il cielo prima di un lancio. Così come l'immagine di Gordon che appare a Trisha, Dio non appare prima del nono inning.

Le esperienze di Trisha possono anche essere fatte risalire alla "ricerca della visione", una pratica dei nativi americani che rappresentava il passaggio all'età adulta.

Numeri ISBN[modifica | modifica sorgente]

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura