La baia di Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La baia di Napoli
Titolo originale It Started in Naples
Paese di produzione Stati Uniti, Italia
Anno 1960
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere commedia
Regia Melville Shavelson
Soggetto Jack Davies, Michael Pertwee
Sceneggiatura Michael Pertwee, Jack Davies
Produttore Capri Production Paramount
Distribuzione (Italia) Paramount
Fotografia Robert Surtees
Montaggio Frank Bracht
Musiche Alessandro Cicognini, Carlo Savina
Scenografia Arrigo Breschi; Sam Comer
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La baia di Napoli (It Started in Naples) è un film diretto da Melville Shavelson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sophia Loren, accompagnata alla chitarra da Paolo Carlini, canta Tu vuó fa l'americano

Michael Hamilton, facoltoso avvocato statunitense, mentre si trova a Napoli per sistemare alcune questioni legali intervenute dopo la morte del fratello, deceduto in un incidente nautico, viene a scoprire che ha un nipote di nome Nando, che il fratello ha avuto con una donna con la quale conviveva, anche lei perita nell'incidente; il ragazzino, dopo la morte dei genitori, è stato affidato alle cure della zia Lucia.

Hamilton sostiene che il ragazzino, sebbene felice, non viva in modo adeguato, ed avvia così le procedure legali per ottenere l'affido ma, complice l'avvenenza della zia ed una più attenta valutazione della storia del ragazzo, capisce che sarebbe un errore strapparlo alla terra natìa, e decide non solo di soprassedere ma di vivere con Nando e la sua bella zia.

Citazioni del film[modifica | modifica wikitesto]

Il film viene citato, utilizzando filmati di repertorio, in Le dee dell'amore (The Love Goddesses) documentario di Saul J. Turell del 1965

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]