La Polonia è la più importante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Polonia è la più importante
Polska jest Najważniejsza
Leader Paweł Kowal
Stato Polonia Polonia
Fondazione 16 novembre 2010
Ideologia Conservatorismo,
Cristianesimo democratico,
Euroscetticismo,
Liberalismo economico,
Liberalismo conservatore
Collocazione Centro-destra
Partito europeo Alleanza dei Conservatori e Riformisti Europei
Gruppo parlamentare europeo Conservatori e Riformisti Europei
Seggi Camera
0 / 460
Seggi Senato
0 / 100
Seggi Europarlamento
3 / 50
Colori amaranto
Sito web stronapjn.pl

La Polonia è la più importante (in polacco: Polska jest Najważniejsza), abbreviato in PJN, è un partito politico della Polonia di centro-destra, che propugna il liberalismo conservatore. Si è costituito con una rottura da Diritto e Giustizia (PiS); all'inizio del 2011 il partito contava 18 deputati al Sejm, un rappresentante al Senato[1] e 3 eurodeputati al Parlamento Europeo.[2]

Con l'espulsione di Joanna Kluzik-Rostkowska dal partito, PJN si costituì come raggruppamento liberale a partire da Diritto e Giustizia, che PJN accusava di una deriva verso destra guidata dal leader Jarosław Kaczyński. Più favorevole al libero mercato rispetto a PiS, PJN aveva già criticato le lente riforme economiche del governo di Piattaforma Civica (PO), e nel 2011 il partito ricevette il primo defettore di PO, assicurandosi una rappresentanza anche al Senato. Il partito non è tuttavia riuscito a ottenere alcun seggio né alla Camera né al Senato alle elezioni parlamentari del 2011.

Al Parlamento Europeo, i suoi membri continuano a sedere insieme a Diritto e Giustizia, nel gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei, di cui il fondatore di PJN Michał Kamiński è stato presidente fino al marzo 2011. Il partito rimane anche affiliato con l'Alleanza dei Conservatori e Riformisti Europei, di cui Adam Bielan (uno dei cofondatori di PJN) è vice presidente.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (PL) Jacek Swakoń opuszcza PO. Senator przechodzi do PJN in Polskie Radio, 18 gennaio 2011. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  2. ^ (PL) W PJN już 17 posłów in Gazeta Wyborcz], 4 dicembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]