La Galite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Galite
جالطة
L'isola in una foto satellitare della NASA.
L'isola in una foto satellitare della NASA.
Geografia fisica
Localizzazione Mar Mediterraneo
Coordinate 37°31′37″N 8°55′43″E / 37.526944°N 8.928611°E37.526944; 8.928611Coordinate: 37°31′37″N 8°55′43″E / 37.526944°N 8.928611°E37.526944; 8.928611
Superficie 8,08 km²
Numero isole 6
Isole principali La Galite, Le Galiton e La Fauchelle
Altitudine massima 391 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Tunisia Tunisia
Governatorato Biserta
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Tunisia
La Galite

[senza fonte]

voci di isole della Tunisia presenti su Wikipedia

La Galite, (in italiano Isola della Caletta, in arabo Jazirat Jalitah), è un arcipelago di isole rocciose, d'origine vulcanica, formato da cinque isole principali ed alcuni scogli. Tali isole sono situate a circa 80 km a nord-ovest della città tunisina di Tabarca e a 150 km a sud di Capo Spartivento, in Sardegna. Il punto di terraferma più vicino alle isole è Capo Serrato, 38 km a sud, dal quale l'arcipelago è separato tramite il Canale di Galitone o Canal de La Galite.

La Galite[modifica | modifica sorgente]

L'isola principale (che dà il nome all'intero arcipelago), è La Galita, situata al centro dell'arcipelago, che misura 5,4 km di lunghezza da est a ovest ed al massimo 2,9 km di larghezza (nella parte orientale). Circondata da falesie rocciose alte fino a 200 m, l'isola può essere raggiunta solo attraverso la baia dello Scoglio di Pasqua, nella parte meridionale dell'isola. Il punto più alto dell'isola è la Cima grande (Bout de Sommeo Grand sommet), a 391 m d'altezza, che è sormontato da una torre d'avvistamento gialla, alla quale si accede percorrendo un sentiero roccioso che è l'unica via di comunicazione dell'isola. Tale sentiero attraversa zone coperte di macchia mediterranea, dove nonostante la scarsità di terra a disposizione crescono alberi di fico, ulivi, catus, vite e cereali, che provvedono al sostentamento delle poche famiglie di pescatori che abitano l'isola. Per il resto, l'isola è prevalentemente rocciosa e pianeggiante, eccetto la cima grande ed il Piton de l'Est, una cresta rocciosa conica alta 361 m, nel sud-est dell'isola.

Recentemente, la scoperta di brocche cartaginesi e di monete romane ha indicato che l'isola era popolata già nell'antichità, ma solo saltuariamente il territorio conobbe insediamenti stabili. Il più recente fu quello, nella seconda metà dell'Ottocento e nei primi del Novecento, di una comunità di ponzesi e tabarchini che vi praticavano la pesca delle aragoste, in un regime di tolleranza, da parte delle autorità coloniali francesi, che venne messo in crisi dalla politica di rivendicazione del fascismo sulla Tunisia.

Le isole minori[modifica | modifica sorgente]

Oltre all'isola principale, vi sono altri due gruppi di isolotti inavvicinabili dalle imbarcazioni[per quale motivo?]:

  • i galitoni dell'ovest, situati 3 km a sud-ovest dell'isola principale, che comprendono secondo la nomenclatura italiana Galitone-Le Galiton (158 m) e Aguglia-La Fauchelle (137 m), ossia la seconda e la terza isola dell'arcipelago per estensione. Sulla cresta di Galitone è situato un faro di 14 m d'altezza. Nel 1980, Galitone fu dichiarata riserva naturale integrale per preservare il sito di riproduzione della foca monaca.
  • i galitoni dell'est, soprannominati anche i cani (les chiens), sono situati da 1 a 2 km a nord-est dell'isola principale. Questo gruppo è composto da tre isolotti rocciosi detti il Gallo, la Gallina e il Pollastro. Il più grande dei tre è il Gallo, che misura 119 m d'altezza.

In quest'isola morì, il 14 dicembre 1942 il capitano di corvetta Salvatore Todaro (decorato di medaglia d'oro al valore militare alla memoria[1]).

Il capo del movimento indipendentista tunisino Habib Burghiba fu esiliato dal governo coloniale francese sull'isola principale dal 1952 al 1954, periodo durante il quale visse in un fortino abbandonato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.marina.difesa.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Isole Portale Isole: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Isole