La colonna e il fondamento della Verità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La colonna e il fondamento della Verità
Autore Pavel Aleksandrovič Florenskij
1ª ed. originale 1914
1ª ed. italiana 1974
Genere saggio
Lingua originale russo

La colonna e il fondamento della Verità. Saggio di teodicea ortodossa in dodici lettere di Pavel Aleksandrovič Florenskij è un'opera filosofica e teologica costruita attraverso l'interazione della saggistica col genere epistolare. Venne pubblicata in prima stampa nel 1914 presso la casa editrice russa Put' in seguito ai profondi ripensamenti e alle ampie revisioni dell'autore. Spesso considerata come vero capolavoro del pensiero cristiano del Novecento, ebbe in prima battuta un forte impatto nella cultura russa dell'epoca.

Il contenuto[modifica | modifica sorgente]

Nell'interazione tra filosofia e ontologia trinitaria, la concezione florenskijana della verità è nutrita nel suo semplice valore logico da un senso pienamente ontologico e salvifico. Nelle prime lettere che costituiscono l'opera, infatti, il narratore pone in atto la sua ricerca in un primo tempo attraverso una ragione esigente che si cala nell'abisso, fino a raggiungere gli inferni dello scetticismo.

Nel percorso seguito dall'autore, la profondità della vita si rivela inaccessibile al raziocinio: la legge dell'identità e il principio di ragion sufficiente conducono a meri schemi vuoti, alla semplice ed egoistica autoaffermazione dell'io (in specie, il riferimento è quindi alla legge dell'identità). L'opera di Pavel Aleksandrovič Florenskij si propone dunque, attraverso una profonda rassegna del pensiero della tradizione ortodossa sempre sotteso e presente, di mostrare le condizioni di attendibilità della verità, rivolgendo l'attenzione alle dinamiche interne di una ragione caratterizzata da una struttura antinomica. La conoscenza florenskijana non mira a una verità qualsiasi: l'attenzione è puntata sull'istina, la verità concepita nel suo fondamentale legame con la vita e con l'esperienza. Ed è una verità, inoltre, che contiene in sé anche il comune dramma della vita, e non può non passare per un'ampia decostruzione del soggettivismo assolutistico, in quanto il dramma stesso non può essere sottoposto a una pura e vuota certezza formale. L'autoidentità, passando per la morte della parola, esclude ogni possibilità di incontro con ciò che si trova fuori dell'io: la sua morte è assicurata dalla vanificazione dell'incontro con l'altro.

« La legge dell’identità è un monarca assoluto, ma i suoi sudditi non protestano contro la sua autocrazia solo perché sono spettri senza sangue, privi di esistenza reale, non sono persone ma solo ombre razionalistiche di persone. Questo è lo sheol, il regno della morte. »
(Pavel Aleksandrovič Florenskij, La Colonna e il fondamento della verità, 1914)

L'edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

Al panorama editoriale italiano si deve la prima traduzione mondiale dell'opera. Grazie a Pietro Modesto (traduttore), a Elémire Zolla (curatore) e all'impegno del suo direttore editoriale Alfredo Cattabiani, l'editore Rusconi nel 1974 può pubblicare il volume che caratterizzerà fortemente la ricezione italiana dell'autore. Una ricezione comunque frammentata e complessa, sottoposta in prima istanza agli avvenimenti politici e storici della terra russa e ai condizionamenti subiti dalla sua cultura. La lettura e l'interpretazione dell'opera florenskijana, ancora in corso, è ad ogni modo fortemente limitata, in Occidente, nell'apprezzamento filosofico, come nella sua comprensione e accettazione incondizionata all'interno dell'Accademia quale punto fermo del pensiero contemporaneo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

filosofia russa Portale Filosofia russa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia russa