LGV Rhône-Alpes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
LGV Rodano-Alpi
Nome originale LGV Rhône-Alpes
Inizio Montanay
Fine Valence
Stati attraversati Francia
Lunghezza 115 km
Apertura 1992
Riapertura 1994
Gestore SNCF
Scartamento standard
Elettrificazione 25 kV 50 Hz
Diramazioni LGV Sud-Est, Lione-Chambéry, LGV Méditerranée
Ferrovie

La LGV Rhône-Alpes è una linea ferroviaria francese ad alta velocità, di circa 115 km, entrata in servizio nel 1994, nella regione Rhône-Alpes. Questa LGV funge da prolungamento della LGV Sud-Est verso il sud della Francia.

Evita il centro cittadino di Lione circonvallando la città sul lato orientale e permette l'interconnessione con l'aeroporto cittadino grazie alla stazione Saint-Exupéry - TGV.

In seguito, procede verso sud e, dopo Valence, si conclude con l'inizio della LGV Méditerranée.

È stata costruita in due tratti (nord e sud), concepiti per una velocità massima di rispettivamente 300 e 320 km/h. Il primo tratto è stato aperto nel 1992 in occasione delle Olimpiadi invernali di Albertville.

Il tracciato della linea[modifica | modifica sorgente]

La line attraversa quattro dipartimenti, che sono, da nord a sud: l'Ain, il Rhône, l'Isère e il Drôme. Il tracciato della nuova linea consta una lunghezza totale di 115 km, di cui 42 da Montanay a Saint-Quentin-Fallavier e 73 da questo punto a Valence.

La linea incrocia presso Saint-Quentin-Fallavier la linea tradizionale Lione - Grenoble. Un sistema di raccordi permette:

  • l'accesso alla LGV per i TGV provenienti da Lione attraverso la linea tradizionale, e la loro uscita in senso opposto;
  • il proseguimento della corsa dei TGV provenienti da nord verso Grenoble e viceversa.

Caratteristiche della linea[modifica | modifica sorgente]

La linea occupa una superficie totale di 1218 ettari (così come l'aeroporto di Saint-Exupéry).

È stata concepita, come la LGV sud-est, per una velocità nominale di 300 km/h, con un piano di curve di raggio minimo di 4000 m e distanza dai centri delle strade ferrate di 4.2 m. Il secondo troncone è adatto per una velocità di 320 km/h. Le pendenze massime sono del 3.5 % .

La linea comporta numerosi adattamenti artificiali di cui 10 viadotti di lunghezza totale di 4.5 km e quattro trafori di lunghezza totale di 5.3 km.

Un posto di comando chiamato CCT (Commande centralisée des trains - Comando Centralizzato dei Treni) permette di seguire costantemente la circolazione dei treni sulla totalità della linea e di comandare a distanza i dispositivi di sicurezza. È sito a Lione, presso la stazione di Perrache.

Stazioni[modifica | modifica sorgente]

L'installazione della linea ha comportato la costituzione di una sola stazione intermedia:

  • Stazione TGV di Lione-Saint-Exupéry, disegnata dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava, che è in collegamento diretto con l'Aeroporto Internazionale di Lione Saint-Exupéry.

Storia[modifica | modifica sorgente]

  • 28 ottobre 1989: dichiarazione di pubblica utilità.
  • 13 dicembre 1992: messa in funzione di un primo troncone di 42 km tra Montanay e Saint-Quentin-Fallavier.
  • 3 luglio 1994: messa in funzione del secondo troncone di 73 km tra Saint-Quentin-Fallavier e Saint-Marcel-lès-Valence.
  • 3 luglio 1994: inaugurazione della stazione di Satolas-Aeroporto di Lione TGV.
  • 7 giugno 2001: inaugurazione della LGV Méditerranée che prolunga questa linea verso sud.

Voci correlate =[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti