L6/40

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat L6/40
Fiat-Ansaldo L6 40.jpg
Descrizione
Tipo carro armato leggero
Equipaggio 2 (pilota e armiere-capocarro)
Costruttore Fiat-Ansaldo
Data entrata in servizio 1939
Data ritiro dal servizio inizi anni cinquanta
Utilizzatore principale Italia Regio Esercito
Altri utilizzatori vedi qui
Esemplari 283
Sviluppato dal L3/33
Altre varianti L40, AS43
Dimensioni e peso
Lunghezza 3,78 m
Larghezza 1,92 m
Altezza 2,03 m
Peso 6,8 t
Propulsione e tecnica
Motore SPA 18D 4 cilindri in linea a benzina da 4053 cc, raffreddato ad acqua
Potenza 70 hp (52 kW)
Rapporto peso/potenza 10,29 hp/t
Trazione cingoli
Prestazioni
Velocità su strada 42 km/h
Autonomia 200 km
Pendenza max 60 %
Armamento e corazzatura
Armamento primario 1 cannone automatico Breda 20/65 Mod. 1935 calibro 20 mm
Armamento secondario 1 mitragliatrice Breda Mod. 38 da 8 mm coassiale al cannone
Corazzatura dai 6 ai 30 mm
Capacità 296 colpi da 20 mm
1.560 colpi da 8 mm

Dati tratti da Bishop 1998[1]

voci di carri armati presenti su Wikipedia

L'L6/40 fu un carro armato leggero[2] italiano utilizzato durante la seconda guerra mondiale, prevalentemente dal Regio Esercito che lo impiegò in tutti i teatri di guerra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo e descrizione[modifica | modifica sorgente]

Negli anni trenta la Fiat-Ansaldo sviluppò un carro armato derivato dal modello L3/33, una tankette diventata ormai obsoleta. Il prototipo uscì dall'Ansaldo nel 1938 dotato di una mitragliera binata in torretta e un cannone automatico da 37 mm, a cui seguirono altri esemplari di prova che inserivano il cannone, sempre da 37 mm, in torretta, abbinato ad una mitragliatrice coassiale Breda Mod. 38 da 8 mm o dalla già citata mitragliera binata. Per la versione definitiva di serie, arrivata durante il 1939, si optò per la mitragliatrice coassiale e per un cannone Breda 20/65 Mod. 1935 da 20 mm in torretta: si trattava essenzialmente di un carro costruito sullo scafo modificato dell'L3/33 (derivato a sua volta dal carro britannico Carden Loyd Mk VI) con una riserva di 296 colpi per il cannone e 1.560 per la mitragliatrice.[3]

Lo scafo, interamente rivettato, aveva uno spessore che variava dai 6 ai 30 mm ed era abbastanza largo da contenere due uomini, pilota e armiere-capocarro, che potevano accedere al mezzo o dalla torretta o da una porta situata nel lato destro. Il motore era uno SPA 18D a quattro cilindri a benzina da 70 hp (52 kW) capace di sviluppare una velocità massima su strada di di 42 km/h; la torretta poteva ruotare di 360° e sia il cannone automatico che la mitragliatrice avevano un alzo variabile tra -12° e +20°. Il treno di rotolamento per ogni lato era costituito da due rulli di corsa e da due coppie di ruote, con il pignone davanti e la puleggia di dietro inframezzati da tre piccole ruote di rinvio.[4]

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

L'L6/40 fu, sotto molti aspetti, di un mezzo nato "vecchio", sia per quanto riguardava l'armamento che la corazzatura, che non riuscì a svolgere validamente i ruoli per cui era stato creato, ricognizione ed appoggio alla fanteria, e che talvolta, per mancanza di mezzi più adatti fu utilizzato anche come carro di rottura.

Fu usato dal Regio Esercito praticamente in ogni fronte della seconda guerra mondiale dove erano coinvolte le forze italiane: in Africa settentrionale, al fronte orientale con l'ARMIR, nei Balcani con compiti di contrasto alle operazioni della resistenza jugoslava (alcuni vennero poi catturati dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943 e riutilizzati) e in Italia contro le truppe tedesche, che ne catturarono un certo numero per riutilizzarli direttamente con la denominazione PzKpfw 733(i) o per fornirli ai reparti della RSI.

A partire dal 1943 la torretta del carro fu usata sull'autoblindo SPA-Viberti AS43.

L'Esercito Italiano lo utilizzò fino ai primi anni cinquanta.[3], così come i Reparti celeri della Pubblica Sicurezza[5].

Versioni e derivati[modifica | modifica sorgente]

L6/40 "Portamunizioni"

Uscirono dalla produzione un totale di 283 L6/40 nelle varie versioni:[3]

Versioni di produzione o modificate
  • L6/40 – versione base.
  • L6/40lf – versione con un lanciafiamme al posto del cannone dotata di un serbatoio di liquido combustibile da 200 litri.
  • L6/40 Centro Radio – carro radio usato come mezzo di comando, con torretta aperta e mezzi di comunicazione migliorati.
  • L6/40 Portamunizioni – carro portamunizioni che accompagnavano i semoventi M.41 da 90/53; trasportavano 26 colpi a bordo e 40 su apposito rimorchio blindato.
Derivati

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

bandiera Regno d'Italia
Repubblica Sociale Italiana Repubblica Sociale Italiana
Germania Germania
Italia Italia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bishop 1998, p. 17.
  2. ^ Carro leggero (L), del peso di 6 t (6), modello 1940 (40)
  3. ^ a b c Bishop 1998, p. 16.
  4. ^ Bishop 1998, pp. 16-17.
  5. ^ Ugo Mazza, op. cit. pag. 87.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Fronte Terra Carri armati 2/III - Carri leggeri - L.6/40 sviluppo ed operazioni, Edizioni Bizzarri, Roma 1974.
  • (EN) Chris Bishop, Weapons of World War II, Londra, Brown Packaging Books Ltd, 1998, ISBN 0-7607-1022-8.
  • Ugo Mazza, Quando la Polizia aveva le auto color amaranto, "Rivista Italiana Difesa", 1/2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]