L'urlo e il furore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "The Sound and the Fury" rimanda qui. Se stai cercando il film del 1959, vedi L'urlo e la furia.
L'urlo e il furore
Titolo originale The Sound and the Fury
Autore William Faulkner
1ª ed. originale 1929
Genere romanzo
Sottogenere Gotico
Lingua originale inglese

L'urlo e il furore (titolo originale The Sound and the Fury) è un romanzo dello scrittore statunitense William Faulkner.

L'opera, pubblicata nel 1929, è il quarto romanzo dell'autore. Narra, utilizzando soprattutto le tecniche del dialogo e dello stream of consciousness, alcuni episodi nella vita dei membri di una vecchia famiglia del Sud, i Compson, una volta ricca e ora in decadenza.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Certe giornate verso la fine di agosto a casa sono così, l'aria sottile e pungente come questa, con qualcosa di mesto e nostalgico e familiare. L' uomo è la somma delle sue esperienze climatiche, diceva il babbo. L' uomo è la somma di tutto quello che vuoi. »

Il romanzo è ambientato nella contea immaginaria di Yoknapatawpha ed è suddiviso in quattro parti. Protagonista del romanzo è una decadente famiglia bianca del sud degli Stati Uniti. La madre Caroline è sposata a Jason Compson III; i coniugi Compson hanno quattro figli: Quentin, Candance (Caddy) Jason e Benjamin e una nipotina, figlia di Caddy, chiamata anche lei Quentin, in memoria dello zio. Il capitoli del romanzo racchiudono ciascuno una giornata. Il primo capitolo tratta del Sette aprile 1928; il secondo del Due giugno 1910. Il terzo il sei aprile del 1928; l'ultimo racconta dell'otto aprile 1928. Per ogni capitolo cambia la voce narrante; La prima è quella di Benjy Compson, il figlio ritardato mentale di 33 anni. La seconda parte si svolge 18 anni prima delle altre ed è raccontata da Quentin Compson, all'epoca studente ad Harvard, che si suicida a causa di una serie di eventi che coinvolgono la sorella Caddy. La terza parte riflette il punto di vista del loro cinico fratello: Jason, mentre la quarta è raccontata in terza persona e basata sulle impressioni di Dilsey, la serva nera più anziana tra quelli al servizio della famiglia. Dilsey, l'instancabile mami della famiglia Compson ha tre figli: Versh, Frony, e T. P.; Frony a sua volta ha un figlio: Luster che si occupa del Compson malato: Benjamin

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'urlo e il furore, tr. Augusto Dauphiné, Milano: Mondadori, 1947 («Medusa» 203), 1956, 1959, 1963, 1970, 1974
  • L'urlo e il furore, tr. Vincenzo Mantovani, Bergamo: Euroclub Italia, 1981; postfazione di Attilio Bertolucci, Milano: Mondadori, 1980 («Medusa» n.s. 12); Novara: Istituto Geografico De Agostini, 1986, 1990; introduzione di Fernanda Pivano, Milano: Mondadori, 1989 («Oscar»), 1995 (in Romanzi, vol. 1, «I Meridiani»), 1996, 2001, 2004 (con nuova "Avvertenza", in Opere scelte, vol. 1, ivi), 2005; con introduzione di Emilio Tadini, postfazione di Attilio Bertolucci, Torino: Einaudi, 1997, 2002, 2005; Roma: Gruppo editoriale L'Espresso, 2002; Milano: RCS Quotidiani, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura