L'uomo in fuga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo in fuga
Titolo originale The Running Man
Autore Stephen King
1ª ed. originale 1982
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza, distopia
Lingua originale inglese

L'uomo in fuga (titolo originale The Running Man) è un romanzo di fantascienza scritto da Stephen King e pubblicato con lo pseudonimo di Richard Bachman nel 1982.

In Italia il romanzo venne pubblicato per la prima volta il 22 gennaio 1984 nella collana fantascientifica Urania (n. 962), ma sono state numerose le successive ristampe.

Nel 1987 dal libro è stato liberamente tratto un film, L'implacabile, con protagonista Arnold Schwarzenegger.

Il romanzo è strutturato in 101 capitoli intitolati, come un conto alla rovescia, da "Meno 100..." a "... 000".

In una cinica America del XXI secolo, precisamente nell'anno 2025, la società vive divisa fra povertà estrema ed immensa ricchezza, analfabetismo, disoccupazione, inquinamento atmosferico ormai irreparabile, malattie croniche e degrado. Le menti dei cittadini sono dominate dalla tri-vu - televisione tridimensionale - che ogni famiglia è obbligata a tenere in casa e che per quasi tutte e 24 le ore del giorno trasmette giochi e show atti a generare sentimenti di odio e ilarità. Il protagonista del romanzo, Ben Richards, 28 anni, vive con la moglie 26enne Sheila e la piccola figlia Cathy in un sobborgo difficile e violento della città di Harding, chiamato Co-Op City. Dopo aver svolto diversi lavori, versa in una condizione di disperata disoccupazione, cosa che obbliga la moglie a prostituirsi per poter mantenere i costi della vita e la piccola Cathy, gravemente malata. Un giorno, Ben, stanco della situazione, decide di recarsi al Games Building, la sede principale dei giochi e degli show trasmessi alla tri-vu e di candidarsi come potenziale concorrente per uno di loro. Viene selezionato per partecipare a Uomo in fuga, il più sadico e seguito gioco della Rete, dove il protagonista, braccato da uno squadrone di mercenari chiamati Cacciatori e da qualsiasi persona lo riconosca, guadagna 100 nuovi dollari americani per ogni ora cui rimane in vita, 500 per ogni pubblico ufficiale ucciso e, se alla fine dei 30 giorni di durata del gioco è ancora vivo, la cifra astronomica di 1 miliardo di dollari. Durante la fuga, al concorrente è permesso cambiare stato, paese, camuffarsi e procurarsi armi di difesa. Ben, attirato dal montepremi, firma il contratto, dando il via ad un lungo incubo fisico e psicologico, che terminerà solo con un sorprendente colpo di scena.

Genesi dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Nell'introduzione, King dichiara di aver scritto il libro nell'arco di 72 ore.

Nel saggio On writing: Autobiografia di un mestiere (2000) afferma di averlo scritto in una settimana.[1]

Numeri ISBN[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Stephen King, The Running Man, 1982.
  • Stephen King, L'uomo in fuga, traduzione di Delio Zinoni, Oscar narrativa, Arnoldo Mondadori Editore, 1989, pp. 191, ISBN 88-04-31992-5.
  • Stephen King, L'uomo in fuga, traduzione di Delio Zinoni, Sperling & Kupfer, 1989, pp. 240, ISBN 88-200-2250-8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stephen King, On Writing: Autobiografia di un mestiere, Sperling & Kupfer, 2001. ISBN 8820031019 p. 150

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]