L'uomo dal braccio d'oro (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo dal braccio d'oro
The Man with the Golden Arm poster.jpg
La locandina del film realizzata da Saul Bass
Titolo originale The Man with the Golden Arm
Paese di produzione USA
Anno 1955
Durata 119 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Otto Preminger
Soggetto Nelson Algren
Sceneggiatura Walter Newman, Lewis Meltzer
Fotografia Sam Leavitt
Montaggio Louis R. Loeffler
Musiche Elmer Bernstein
Scenografia Darrell Silvera, Mary Ann Nyberg
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'uomo dal braccio d'oro (The Man with the Golden Arm) è un film del 1955 diretto da Otto Preminger.

Il film, basato sull'omonimo romanzo di Nelson Algren, racconta la storia di un morfinomane che disintossicatosi durante una breve detenzione per furto, lotta per mettere ordine alla sua vita.

Gli attori principali sono Frank Sinatra,[1] Eleanor Parker, Kim Novak, Arnold Stang e Darren McGavin.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Frankie, professionista del poker, torna nella sua città dopo un periodo di detenzione. In prigione, oltre ad aver imparato a suonare la batteria, si è anche disintossicato dalla morfina. Su queste basi vorrebbe rifondare la sua vita, ma tutto il suo vecchio ambiente lo riporterà ben presto nel tunnel: una moglie molto possessiva che, pur di non perderlo, lo ricatta psicologicamente fingendosi costretta su una sedia a rotelle; il gestore della bisca clandestina che lo rivuole al lavoro per la sua abilità, e non ultimo il suo vecchio spacciatore che lo induce in tutti i modi a ricominciare. Unico "raggio di sole" Molly, che nonostante tutto resterà al suo fianco.

Il film[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne adattato da Walter Newman, Lewis Meltzer e Ben Hecht (non accreditato) e diretto da Otto Preminger. Sinatra ebbe per questo ruolo la Nomination all’Oscar come miglior attore protagonista, e venne ulteriormente nominato come migliore attore ai BAFTA e The New York Film Critics. La Motion Picture Association of America rifiutò di dare il visto che certificava l’approvazione del film sotto le norme del Codice Hays perché si trattava di un tema molto forte: la tossicodipendenza dalle droghe. L’anno successivo il codice venne cambiato consentendo ai film di trattare temi come droga, rapimenti, aborti e prostituzione. Il film inizia con una delle sequenze più celebri di titoli nella storia del cinema, l’animazione di strisce di carta che si incrociano e che terminano con un braccio bianco su sfondo nero, disegnati da Saul Bass, spesso citati come esempio di soluzione grafica geniale.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora di Elmer Bernstein è uno dei primi esempi di partitura jazz scritta appositamente per un film. In una delle sequenze più drammatiche il protagonista, convocato in uno studio di registrazione per una audizione con una big band, vi giunge in crisi di astinenza, fallendo così miseramente la prova. Il batterista ufficiale dell'orchestra, citato nei titoli di coda, era Shelly Manne.

Il trombettista Eddie Calvert fece del motivo conduttore uno dei suoi successi.

La colonna sonora del film è stata usata dalla RAI nel format I soliti ignoti.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Una scena del film.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella sequenza iniziale, quando Sinatra scende dall'autobus e cammina per strada, si vede su un muro la locandina di un film dello stesso Preminger, si tratta di Carmen Jones del 1954.
  • Il nome del personaggio principale, interpretato da Sinatra, Frankie machine viene usato nel film Io sono un campione di Lindsay Anderson del 1963. Il personaggio in realtà si chiama Frank Machin ed è interpretato da Richard Harris.
  • La sequenza con l'inquadratura ravvicinata degli occhi dopo l'iniezione di eroina è stata ripresa nel film Amore tossico di Claudio Caligari del 1983.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Il nome del personaggio principale, interpretato da Sinatra, Frankie machine è il soprannome usato da Frank Macchiano personaggio del libro L'inverno di Frankie Machine di Don Winslow del 2006. Nel libro, riferendosi all'origine del soprannome di Frank Macchiano si cita esplicitamente L'uomo dal braccio d'oro e Frank Sinatra.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La sceneggiatura fu spedita anche a Marlon Brando nello stesso periodo in cui venne mandata a Frank Sinatra. Questi, che aveva perso il ruolo principale nel film di Kazan Fronte del porto, assegnato a Brando, colse immediatamente l'occasione e accettò ancora prima di aver finito di leggere il copione. Sinatra lavorava 12 ore al giorno e nei momenti liberi si recava nelle cliniche di disintossicazione per osservare i tossicodipendenti e i loro comportamenti da drogati. Vedi (EN) sezione trivia de L'uomo dal braccio d'oro su imdb.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema