L'uomo che volle farsi re (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo che volle farsi re
L'uomo che volle farsi re (film).png
Titolo originale The Man Who Would Be King
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1975
Durata 129 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, drammatico
Regia John Huston
Soggetto Rudyard Kipling
Fotografia Oswald Morris
Montaggio Russell Lloyd
Musiche Maurice Jarre
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'uomo che volle farsi re (The Man Who Would Be King) è un film del 1975 diretto dal regista John Huston, basato sul romanzo L'uomo che volle essere re di Rudyard Kipling del 1888.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato nell'India britannica alla fine del XIX secolo.

[modifica | modifica wikitesto]

Nello studio dello scrittore inglese Rudyard Kipling entra un uomo sfigurato nel volto e nel corpo, l'uomo ricorda a Kipling che i due si erano già incontrati tre anni prima in occasione della firma di un contratto. Dopo aver riconosciuto nell'uomo un conoscente di nome Peachy Carnehan, Kipling gli chiede di raccontare la sua storia degli ultimi 3 anni.

Il racconto di Peachy[modifica | modifica wikitesto]

Tre anni prima Peachy si trova in una stazione ferroviaria e, notato Kipling intento ad acquistare un biglietto, decide di rubargli l'orologio da taschino d'oro. Dopo aver sottratto il prezioso manufatto, Peachy si allontana per controllare la refurtiva, rendendosi conto che sulla stessa vi è un marchio che gli rende impossibile portare fino in fondo il furto: l'orologio appartiene infatti ad un confratello massone, e tra massoni è vietata qualunque azione delittuosa. Provvede quindi a rintracciare l'Inglese e gli restituisce l'orologio vantandosi di averlo recuperato ad un borseggiatore.

Qualche tempo dopo Peachy si reca a far visita a Kipling accompagnato da un proprio ex-commilitone e confratello massone di nome Daniel; i due chiamano il giornalista a testimone dell'impresa che si sono ripromessi di compiere: seguiranno le orme di Alessandro Magno e si recheranno nel Kafiristan (odierno Nurestan), regione montuosa, selvaggia ed arretrata, abitata da tribù in eterna lotta tra loro, al confine tra Afghanistan e Pakistan. Il loro intento è di approfittare dell'arretratezza delle tribù locali per imporsi in virtù delle loro armi da fuoco; il loro piano prevede, dopo aver conquistato la fiducia di un signore locale, di rovesciarlo e diventare i re di quella tribù, procedendo quindi ad assoggettare le altre arricchendosi col saccheggio. I tre uomini stilano un contratto e lo firmano per regolarizzare la situazione, garantendosi reciproco aiuto in caso di bisogno; per concludere lo lasciano in custodia a Kipling. Qualche giorno dopo comprano decine di fucili e munizioni e partono per la loro avventura.

I due decidono di travestirsi per evitare di essere assaliti: Daniel si travestirà da santone e inizierà a fingere di dare in escandescenze mentre Peachy fingerà di essere il suo assistente e traduttore. Raggiunte le cime delle montagne dell'Himalaya, dove rischiano di rimanere bloccati andando incontro ad una morte per assideramento, ma grazie ad una serie di fortunate coincidenze la coppia riesce ad arrivare senza altri problemi nel Kafiristan.

Qui la fortuna pare subito assecondarli: assistono dall'alto all'assalto di un gruppo locale contro alcune donne intente a lavare dei panni in un fiume. Immediatamente decidono di intervenire e riescono facilmente (grazie ai fucili) a mettere in fuga gli assalitori, decimati. Quest'azione diventa un favorevole biglietto da visita agli occhi della tribù cui appartengono le donne: vengono accolti nella cittadella dal capo che subito indice una festa per loro; nella cittadella, incontrano un gurkha che aveva militato nell'esercito britannico, e che farà da interprete.

Daniel e Peachy passano a illustrare al capo tribù il loro piano, lo convincono che addestrando gli uomini all'uso dei fucili, potranno facilmente aver ragione delle altre tribù e lui acquisterà un enorme potere. I fatti dimostrano subito che non mentono: passano ad addestrare gli uomini, e quando li ritengono pronti, cominciano a condurre azioni di guerra invariabilmente vittoriose, conquistando ricchi bottini. Durante queste scorribande Daniel si invaghisce di Rossana, una bellissima ragazza che però lo evita; inoltre, poiché il contratto firmato con Peachy prevede che le donne siano lasciate fuori dalla loro missione, Daniel desiste dal corteggiarla. Il capo tribù comincia però a divenire geloso del prestigio di cui godono i due Inglesi e nel tentativo di eliminarli e tenersi le nuove armi, viene ucciso dai propri uomini che hanno indirizzato ai due stranieri la propria fedeltà.

Divenuti capi effettivi, continuano con le loro azioni finché, nel corso di un'ennesima scaramuccia Daniel, che dei due è il più ambizioso, è colpito da una freccia ma la freccia viene bloccata da una cinghia e Daniel non subisce alcuna ferita: inizia a diffondersi la voce della sua invulneribilità e del suo essere un dio.

Nella valle teatro di tutte queste azioni, sorge una città, la più grande, governata da sacerdoti, ed il loro capo invita Daniel e Peachy a recarsi a trovarlo; i due accettano l'invito, e quando si trovano di fronte a lui, il sacerdote capo, evidentemente molto pragmatico, afferra un arco con l'intento di scagliare una freccia su Daniel per verificarne l'invulnerabilità; nel frattempo l'Inglese era stato afferrato dagli altri sacerdoti e gli era stata strappata la camicia sul petto mettendo a nudo un ciondolo con il simbolo massonico. Il gran sacerdote abbandona il suo intento probatorio quando vede che il ciondolo rappresenta la squadra e il compasso incrociati, il gran sacerdote fa vedere ai due Inglesi che su alcune pietre del tempio vi è lo stesso simbolo, che compare anche sulla porta di un sotterraneo ove rapidamente li conduce. Nel sotterraneo i sacerdoti custodiscono da almeno due millenni l'enorme tesoro di Alessandro Magno, da loro chiamato Sikander, evidentemente il fondatore della Massoneria; dalla sua morte attendono un erede che ora ritengono di aver trovato, non dubitando più della divinità di Daniel. Daniel e Peachy preparano rapidi piani di partenza, naturalmente carichi di tutto quanto possano prendere, peraltro non ostacolati dai sacerdoti che ritengono la cosa legittima.

Per via del suo egocentrismo e dell'incredibile serie di coincidenze fortunate (la valanga sulle montagne che gli ha salvato la vita, il fatto di essersi messi in mostra appena arrivati e di aver conquistato subito la fiducia del primo capo tribù incontrato, la freccia fermata dalla cinghia, il simbolo massonico, il fatto di voler sposare una donna con lo stesso nome della moglie di Alessandro) Daniel si convince di essere predestinato a regnare sul Kafiristan e pertanto sceglie di non fuggire con il bottino ma di rimanere, prendere in moglie Rossana per assicurarsi una discendenza e governare il suo regno fino a renderlo una grande potenza mondiale. Peachy non è dello stesso parere e fa preparare dei muli con la propria parte di bottino, la sua partenza è fissata subito dopo la cerimonia di matrimonio.

Rossana però non vuole unirsi a Daniel, temendolo come un essere soprannaturale, così nel momento culminante della cerimonia nuziale ha un moto di ribellione e lo morde quando lui cerca di baciarla, causandogli una fuoriuscita di sangue; questo dimostra al Gran Sacerdote la vulnerabilità (e di conseguenza la non-divinità) di Daniel. Immediatamente Daniel viene additato come un usurpatore e la popolazione ingaggia una battaglia con la guardia personale di fedelissimi del Re. Nonostante la grande superiorità di mezzi (le guardie di Daniel sono armate di fucile mentre la popolazione ha solo qualche lama smussata e le pietre trovate sul terreno) l'inferiorità numerica si fa sentire e una volta terminate le munizioni i due inglesi si consegnano al nemico. Daniel viene portato su un ponte che viene tagliato, facendolo precipitare in un burrone mentre Peachy, giudicato meno colpevole viene gravemente torturato e scacciato, naturalmente senza tesoro e senza provviste.

[modifica | modifica wikitesto]

Kipling è molto colpito dalla fine fatta dai due amici, prima di andarsene Peachy gli lascia in ricordo un sacco contenente la testa dell'amico Daniel (come da tradizione dei Kafiri) con in testa ancora la corona di Alessandro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

John Huston voleva trasferire in pellicola il racconto di Kipling fin dagli anni cinquanta, in origine il film doveva essere interpretato da Humphrey Bogart e Clark Gable, poi da Burt Lancaster e Kirk Douglas, infine da Robert Redford e Paul Newman. Fu proprio Paul Newman a suggerire i nomi di Connery e Caine.

Le riprese sono state effettuate in Marocco, Ouarzazate.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema