L'uomo che non è mai esistito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo che non è mai esistito
L'uomo che non è mai esistito.png
Clifton Webb in una scena del film
Titolo originale The Man Who Never Was
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito
Anno 1956
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,55 : 1
Genere spionaggio
Regia Ronald Neame
Soggetto Ewen Montagu
Sceneggiatura Nigel Balchin
Produttore André Hakim
Fotografia Oswald Morris
Montaggio Peter Taylor
Musiche Alan Rawsthorne
Scenografia John Hawkesworth
Costumi Sam Benson
Trucco Harold Fletcher
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'uomo che non è mai esistito (The Man Who Never Was) è un film del 1956 diretto da Ronald Neame e tratto dal libro (1954) di Ewen Montagu sull'Operazione Mincemeat.

È stato presentato in concorso al 9º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Londra, primavera del 1943. I servizi segreti britannici, mentre è alle porte lo sbarco in Sicilia, hanno l'idea di far ritrovare sulle rive spagnole il corpo di un ufficiale, con indosso falsi documenti, per far credere ai tedeschi che lo sbarco non avverrà in Sicilia, ma in Grecia.

L'idea incontra non poche perplessità tra i generali, ma ottiene l'approvazione del primo ministro inglese e perciò viene attuata. Si utilizza il corpo di un giovane morto di polmonite, dopo aver ottenuto il consenso di suo padre.

L'operazione sembra aver successo, ma i servizi segreti tedeschi si mettono all'opera per verificare la reale attendibilità del ritrovamento.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il Morandini commenta: «è un impeccabile film di genere: efficiente mestiere, attenta cura di particolari, suspense, humor, antiretorica».

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1956, festival-cannes.fr. URL consultato il 4-6-2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]