L'ultima valle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ultima valle
Ultima larici.jpg
i larici nascondono l'"ultima valle"
Titolo originale The Last Valley
Lingua originale inglese
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1970
Durata 128 minuti
Colore
Audio sonoro
Genere avventura
Regia James Clavell
Fotografia John Wilcox
Montaggio John Bloom
Musiche John Barry
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Qual è la verità? Milioni di uomini sono morti ed altri moriranno perché il papa combatte l'imperatore cattolico, il quale combatte il cattolico re di Francia che è in lotta con il cattolico re di Spagna che combatte contro la cattolica Germania. Tutti aiutati dai protestanti »
(Vogel a colloquio con Padre Sebastiano, (57° minuto))

L'ultima valle (titolo originale The Last Valley) è un film britannico del 1970 diretto dal regista James Clavell, basato sull'omonimo romanzo di John Barclay Pick. Tratta i temi della guerra di religione, della pace, dell'amore irrealizzabile, della superstizione e della stregoneria.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.

Nell'autunno del 1637, nell'ultimo periodo della Guerra dei trent'anni, a sud della cittadella di Rheinfelden e del fiume Reno, un gruppo di mercenari imperversa nelle valli montane.
La storia si apre con uno scenario racappricciante, un'orda di scalmanati assalta poche capanne di legno, uccidendo, devastando, stuprando e rubando galline e buoi per mangiarsele subito; fra loro anche un bambino che come loro, spara e uccide. Un mendicante riesce a scappare ma si imbatte in una moltitudine di morti con evidenti i segni della peste, si inciampa e cade su un mucchio di appestati morti, scappa e vede alcune persone impiccate, altri impestati morti e abbandonati nel bosco su un carretto, senza sepoltura.
Vogel, un ex professore dell'università di Heidelberg, in fuga dalla violenza endemica nella Germania di quel periodo, dopo aver perso tutti i parenti nel sacco di Magdeburgo, riesce fortuitamente a trovare una valle nascosta, non sfiorata dalla guerra e dalla fame. La pace e il benessere si contrappongono alle precedenti scene di morte, nella visione di covoni di grano, in fila ad asciugare al sole e di filari ordinati d'uva, della quale avidamente si nutre subito. Una chiesetta si profila tra gli alberi, poi arrivato nel villaggio, che sembra abbandonato, Vogel entra in una casa e vinto dalla stanchezza si addormenta.Ma dei rumori lo svegliano, nel frattempo sono arrivati anche i mercenari e lo catturano.
Vogel convince il Capitano dei mercenari a servirsi del villaggio come rifugio per se e il suo plotone di 23 uomini, durante l'inverno e chi non è d'accordo toglierlo di mezzo. Il Capitano uccide subito Korski uno dei suoi uomini che non era d'accordo, fra lo sgomento di Vogel ma la divergenza permane fra chi vuole rimanere l'inverno nella valle e chi come Hansen, vuole razziare il villaggio e tornare al campo militare. Un secondo uomo, Shutz, che non è d'accordo viene eliminato e pure eliminato Eskesen un fanatico Protestante perché voleva bruciare la chiesetta dei Cattolici, come avevano fatto finora con tutte le chiese cattoliche. Ma il Capitano, questa chiesa ha deciso di salvarla per non inimicarsi i valligiani con i quali deve passare l'inverno.
Vogel fa da intermediario fra i montanari e i soldati e convince Gruber ad accettare la presenza dei soldati per l'inverno, in cambio di salvaguardare il villaggio dal saccheggio e dal non molestare le donne.
Vogel è ammalato di polmonite ma Erica esperta di erbe medicinali, lo cura e lo guarisce con le sue conoscenze di medicina seicentesca.
Il Capitano patteggia le condizioni con il capo del villaggio Gruber e Padre Sebastiano, ospitarli e fornire cibo e alcune vedove, almeno sei, per i suoi uomini. In cambio si impegna a non devastare il villaggio, a rispettare le donne e gli averi dei valligiani. Padre Sebastiano darà un'indulgenza plenaria alle sei donne, giovani e piacenti e Gruber pagherà le prestazioni alle vedove.
Gruber ed Erica programmano di uccidere il Capitano e i suoi accoliti durante l'inverno ma vengno interrotti dal Capitano che si presenta in casa di Gruber. Per se il Capitano vuole Erica, la moglie di Gruber e se la giocano a dadi. Il Capitano è perdente ma Erica bara nella lettura dei dadi e lo fa vincere. Gruber si arrabbia ma si allontana senza fiatare.
Vogel viene costretto dal Capitano a gestire le dispute tra la gente del villaggio e i soldati.
Il Capitano vuole spostare la statua della Madonna dal sentiero che porta nella valle ma Padre Sebastiano si oppone. I valligiani accorrono armati in massa, per il Capitano si mette male ma interviene Vogel che dice di avere fatto un sogno, di avere visto la Madonna scomparire alla vista di uno squadrone di soldati, per proteggere il villaggio e questo basta per calmare tutti gli animi. Ma molti, compreso Padre Sebastiano dubitano della veridicità di Vogel, capiscono che il sogno se lo è inventato.
Hansen tenta di violentare Inge, che è andata a pregare nel bosco, dove è stata riposizionata la Madonna ma Vogel, che l'aveva seguita, la difende e mette in fuga Hansen, che ritorna al villaggio e con altri due commilitoni tenta un agguato per eliminare il Capitano, dice che Vogel ha violentato Inge. Il Capitano sta per aprire ma Erica è diffidente e mette in guardia il Capitano. Hansen non riesce nell'intento e i tre ribelli scappano a cavallo.
Intanto che fervono i preparativi per contrastare eventuali invasori richiamati da Hansen, Erica fa una fattura nel bosco, invoca Satana, Principe delle Tenebre affinché uccida Hansen e i suoi compagni prima che rivelino ad altri l'esistenza del villaggio.
I tre fuggitivi ritornano al villaggio con una banda di 30 uomini per saccheggiare e bruciare il villaggio ma il Capitano, i suoi rimanenti 17 uomini e i valligiani respingono l'attacco e annientano tutti gli opponenti. Hansen, già colpito dal Capitano, viene preso a colpi di mazza da Julio il bambino e poi finito da Graf.
Finalmente arriva l'inverno, il passo che conduce alla valle diventa inagibile e tutti al villaggio si rilassano ma non tutti. Gruber incontra Erica e le ricorda i loro programmi di eliminazione della banda ma Erica lo sconsiglia e Gruber non ne fa più niente.
Verso la fine dell'inverno, arriva Mathias un venditore di salgemma e porta le ultime cattive notizie; è stato un inverno terribile, il peggiore, non c'è una fattoria o un villaggio, nel giro di una settimana di cavallo, che non sia stata saccheggiata e devastata, a Friburg molti sono diventati cannibali. Per quando riguarda la guerra, gli imperialisti sotto il generale Werth, sono schierati sulla riva destra del Reno, i Protestanti sotto il principe Bernardo di Sachsen-Weimar, sono schierati più a sud, sulla riva sinistra del Reno. Il villaggio è in mezzo. Se il principe Bernardo vuol ricevere gli aiuti francesi promessigli dal cardinale Richelieu, il principe Bernardo è obbligato ad attraversare il Reno attraverso il ponte che conduce a Rheinfelden, le sue truppe sono senza viveri e senza paga da tutto l'inverno. Il Capitano è schierato col principe Bernardo e decide di aiutarlo ad attraversare il ponte.
Il Capitano lascia il comando a Vogel e verso la fine di febbraio 1638 si decide di spostarsi con una parte dei suoi uomini verso nord per partecipare alla battaglia di Rheinfelden.
Inge si è innamorata di Vogel e gli propone di stare assieme ma Vogel rifiuta, perché non ha la possibilità di proteggerla.
Erica si è innamorata del Capitano e gli chiede di portarla con se ma il Capitano rifiuta perché con lui non sarebbe sicura.
Vogel, che teme di essere ucciso da Gruber, viene costretto a rimanere nel villaggio con alcuni soldati, a mantenere l'ordine fino al ritorno del Capitano.
Erica viene scoperta da Padre Sebastiano mentre pratica una fattura per salvare la vita del Capitano. Padre Sebastiano redime la strega e salva l'anima di Erica bruciandola sul rogo. Uno dei soldati spinge padre Sebastiano tra le fiamme e muore con lui.
Finalmente il principe Bernardo ha vinto la battaglia ma il Capitano ha perso tutti i suoi uomini, salvo uno. Il Capitano stesso sebbene mortalmente ferito, ritorna alla valle.
Al ritorno nella valle, Gruber organizza un'imboscata contro il Capitano e Vogel, il quale fugge e tenta di avvisare il Capitano ma quando lo incontra il Capitano muore per le ferite riportate.
Vogel decide di andarsene alla ventura, convincendo Inge a non seguirlo e a rimanere a vivere nel villaggio assieme ad Andreas col quale era fidanzata.
La nebbia avvolge la dipartita di Vogel e la coppia Inge Andreas rimasti a guardarlo partire, si dissolve anch'essa nella nebbia.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 gennaio 1971, sul New York Times Vincent Camby ha scritto che il film L'ultima valle è un sogno di sopravvivenza. Narrare gli orrori atroci della guerra dei Trent'anni e della peste è una metafora degli orrori contemporanei. [1]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato quasi integralmente girato a Trins, in Tirolo e gli interni in Inghilterra, negli Halliford Studios, Shepperton, Surrey.

Attori[modifica | modifica wikitesto]

  • Martin Miller era stato scritturato per una parte nel film ma è morto d'infarto nel frattempo.
  • Michael Caine: interpreta la parte del Capitano, anonimo, un guerriero cinico e feroce, che vorrebbe saccheggiare il villaggio ma viene convinto ad una strategia più conveniente a lui sconosciuta. Da un punto di vista psicologico il Capitano è combattuto tra il proprio destino di uomo d'armi e una intima vocazione alla ricerca di pace, serenità e amore. La critica dice che questa è la migliore interpretazione che Michael Caine abbia mai fatto.
  • Omar Sharif: interpreta Vogel, un professore universitario che ha perso la famiglia nel Sacco di Magdeburgo e che s'incontra con il Capitano che quel sacco lo ha fatto e se ne è pentito. Vogel è un fuggitivo che in seguito alla guerra, ha perso il proprio status e cerca di sopravvivere vivendo alla giornata.
  • Florinda Bolkan: Erica Torfield, moglie del capo del villaggio, che si innamora del guerriero e viene colta a fare una stregoneria per salvare l'uomo che ama ma scoperta da Padre Sebastiano, paga sul rogo il suo amore impossibile.
  • Nigel Davenport: Gruber è il capo villaggio, abbastanza intelligente da salvaguardare i propri interessi, ma non abbastanza forte da difendere la propria moglie e quando lei si innamora di un altro, la abbandona al proprio destino.
  • Per Oscarsson: padre Sebastiano è il pastore delle anime del vilaggio, con le proprie umane virtù e difetti.
  • Arthur O'Connell: Hoffman, un capofamiglia bigotto e ignorante, che per un'indulgenza plenaria fa prostituire la propria figlia di 16 anni.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film, malgrado l'interpretazione molto bella di Michael Caine, Omar Sharif, Florinda Bolkan e di tutto il cast, malgrado la trama, gli intrighi interessanti, malgrado l'analisi approfondita delle criticità religiose, etiche e politiche,[2] è stato un costoso fallimento, perché è un film che narra eventi atroci, metafora di tristi realtà più recenti. Ha guadagnato affitti di 380.000 dollari in Nord America e 900.000 dollari in altri paesi, registrando una perdita complessiva di 7.185.000 dollari.[3]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

1. Main Titles Part 1 3:06
2. The Rape of Khutai 0:51
3. The Plague Pit 2:09
4. Entry into The Last Valley 3:00
5. Why Not Winter In The Valley?/The Death Of Eskesen 4:36
6. An Evening Song 2:07
7. Captain Meets Erica / Winning Erica 2:17
8. Villagers Fight For The Shrine 2:58
9. The Priest Prays For Guidance / The Shrine 3:13
10. Vogel's Dream / The Last Valley 2:45
11. The Giving Away Of The Women / An Offertory Chant 2:36
12. Hansen Tries To Murder Captain 1:19
13. A Children's Song 1:45
14. Graf Returns / Mountain Skirmish / The Village Attack 3:15
15. Departure For Rhinefelden 2:54
16. A Christmas Song 2:51
17. Witchcraft / Erica Is Burned At The Stake 3:33
18. Vogel Leaves The Valley 1:44
19. Night Battle At Rhinefelden 1:12
20. Death Of Captain / End Title 5:02
21. The Last Valley - Main Titles Part 2 3:31

La musica di John Barry[4] è suonata dalla City Of Prague Philharmonic Orchestra, diretta da Nic Raine, è a tratti dolce e struggente, quando sottolinea le positività della pace e della tranquillità godute nella valle ed è misteriosa e truce quando sottolinea scene negative di violenza e di guerra.
Il Coro Crouch End Festival canta le liriche in latino e in tedesco, temi pastorali per i momenti più tranquilli e passaggi marziali per le sequenze d'azione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Last Valley. Vincent Canby. New York Times. Movie Review. January 29, 1971
  2. ^ (EN) George MacDonald Fraser, The Hollywood History of the World, London, Michael Joseph Limited, 1988, pp. 107-108, ISBN 0-7181-2997-0.
  3. ^ (EN) "ABC's 5 Years of Film Production Profits & Losses", Variety, 31 May 1973 pag. 3.
  4. ^ (EN) L'ultima valle. John Barry. All Music.
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema