L'ultima carrozzella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ultima carrozzella
Ultimacarrozzella1.jpg
Aldo Fabrizi e Lauro Gazzolo
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1943
Durata 90 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Mario Mattoli
Soggetto Aldo Fabrizi
Sceneggiatura Aldo Fabrizi, Federico Fellini
Casa di produzione Continentalcine
Distribuzione (Italia) Artisti Associati
Fotografia Tino Santoni
Montaggio Fernando Tropea
Tema musicale Mario Ruccione
Scenografia Piero Filippone
Interpreti e personaggi

L'ultima carrozzella è un film del 1943 diretto da Mario Mattoli.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Antonio Urbani, detto "Toto", è un vetturino romano che nutre un'antipatia particolare per i tassisti, rei secondo lui di causare la progressiva estinzione delle carrozzelle a cavalli e dei loro conducenti, di cui egli si ritiene uno degli ultimi superstiti. Uno di questi è il suo ex-amico Pasquale insieme al figlio Roberto. Un giorno Toto fa salire sulla sua vettura una canzonettista che ha fretta di arrivare alla stazione per prendere il treno, e nella concitazione dimentica sulla carrozzella una valigetta. Subito dopo Toto, ormai sulla strada di casa, viene investito dall’auto guidata da Roberto.

Anna Magnani e Aldo Fabrizi

Il giorno dopo Toto legge l’annuncio della valigetta smarrita e si dà da fare per restituirla alla proprietaria, portandola presso la pensione in cui alloggia. Ne riceve una ricompensa che, insieme al comico Valentino, coinquilino della canzonettista appena conosciuto, andrà a puntare su una corsa di cavalli, vincendo una cospicua somma. Ma qualche giorno dopo viene accusato dalla canzonettista di aver sostituito un prezioso anello che si trovava nella valigetta con uno falso, e riceve una querela. Si trova quindi in tribunale a doversi difendere dall'accusa, e sarà anche grazie all’aiuto di Roberto che verrà scagionato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema