L'orecchio spezzato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'orecchio spezzato
fumetto
Copie dell'idolo che appare nell'avventura di Tintin
Copie dell'idolo che appare nell'avventura di Tintin
Titolo orig. L'Oreille cassée
Lingua orig. francese
Paese Belgio/Francia
Autore Hergé
Editore Le Petit Vingtième Casterman
1ª edizione 1935 - 1937 (B/N) – 1943 (a colori)
Pagine 62 (B/N) 127(a colori)
Cronologia
  1. Il Loto Blu
  2. L'orecchio spezzato
  3. L'Isola Nera

L'orecchio spezzato (L'Oreille cassée) è il sesto episodio della serie a fumetti "Le avventure di Tintin" del fumettista belga Hergé.

Quest'avventure di Tintin apparve per la prima volta in album in bianco e nero nel 1937 e in versione a colori nel 1943. Ancora una volta Hergé nel suo fumetto fa riferimento alla situazione mondiale dell'epoca. La guerra tra San Teodoro e Nuevo Rico, per colpa del petrolio altro non è che il ritratto della guerra del Chaco tra Paraguay e Bolivia, durante gli anni '30. Durante quest'avventura Tintin si trova ad aver a che fare con un certo Bazaroff. Questo personaggio è il ritratto di un famoso trafficante d'armi dell'epoca chiamato Basil Zaharoff.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un idolo arumbaya è stato rubato dal Museo etnografico e Tintin inizia a cercarlo. Seguendo gli indizi, scopre che anche altri due uomini si interessano all'idolo. Tintin li segue giungendo a San Teodoro, una (immaginaria) repubblica Sudamericana, trovandosi al centro di una rivoluzione. Per una serie di casualità finisce come aiuto di campo del Generale Alcazar. Durante la guerra tra San Teodoro e il vicino Nuevo Rico, Tintin fugge fino alla terra degli Arumbayas e lì finalmente scopre il segreto dell'idolo: al suo interno questo conserva un diamente. L'idolo è recuperato e riportato in Europa.